Toscana. Mediamarket: oggi un'assemblea indetta da Fisascat Cisl, Filcams Cgil e Uiltucs Uil con i dipendenti per definire le azioni future

Firenze, 13 aprile 2018. “Le risposte dell'azienda  sono state, a nostro parere, vaghe e insufficienti per condividere un piano di gestione su una possibile fase di riorganizzazione a garanzia della piena occupazione”. E' il commento dei rappresentati grossetani delle organizzazioni sindacali che untamente ai rappresentanti di Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil nazioanli hanno partecipato all incontro di ieri, presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, con l’azienda Mediamarket.  
 
Durante l'incontro le delegazioni sindacali hanno chiesto i dati a supporto delle chiusure dei punti vendita di Grosseto e Milano stazione, quelli sui bilanci nazionali, e relativi alla verifica del contratto di solidarietà ancora in essere su diciassette punti vendita dislocati su tutto il territorio nazionale. “Le risposte dell'azienda – commentano i rappresentati grossetani delle organizzazioni sindacali – sono state, a nostro parere, vaghe e insufficienti per condividere un piano di gestione su una possibile fase di riorganizzazione a garanzia della piena occupazione”.
 
A proposito della chiusura del punto vendita di Grosseto le organizzazioni sindacali hanno richiesto la possibilità di sospendere i trasferimenti per consentire di avviare un confronto con la dirigenza di Unieuro che subentrerà nei locali del centro commerciale “Aurelia Antica” al fine di salvaguardare l’occupazione.
 
“L’azienda – aggiungono gli operatori sindacali - negando l’apertura di una procedura di mobilità e la sospensione dei trasferimenti coatti priva, di fatto, i lavoratori di una contrattazione collettiva finalizzata alla salvaguardia dei loro diritti e della loro occupazione”. “Già da lunedì – continuano - Mediamarket ha intimato ai lavoratori di presentarsi presso il nuovo punto vendita m che è stato assegnato senza tenere conto delle loro richieste o preferenze”.
 
Le federazioni provinciali di Grosseto sottolineano che “...il comportamento dell’azienda è inaccettabile, perché, ancora una volta, ha dimostrato di non volersi prendere la responsabilità etica e sociale delle proprie azioni, trasferendo nel giro di pochi giorni i propri dipendenti a centinaia di chilometri di distanza del punto vendita dove lavoravano, senza tener conto dell’impatto che questo provoca nella sfera personale e familiare delle persone”.
 
Intanto, i sindacati unitari hanno convocato per oggi, venerdì 13 aprile, un'assemblea per tutto il personale dipendente per condivider quanto emerso dall’incontro al ministero e condividere insieme azioni e strategie future. 
 
 

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa