• Notizie
  • News Categorie e Servizi

Terziario. Ferrari (Fisascat Cisl): "Il confronto con Governo per gli Appalti Storici addetti a pulizia e decoro scuole deve proteggere occupazione"

Roma, 19 novembre 2018. Si riunirà il 27 novembre il tavolo politico previsto dalle intese governative nella vertenza dei 16mila Ex Lsu e dei cosiddetti Appalti Storici addetti ai servizi di pulizia, ausiliariato e decoro nelle scuole italiane. L’attesa convocazione del ministero dell’Istruzione è arrivata nel corso della manifestazione promossa a Roma dai sindacati di categoria Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltrasporti Uil per accendere i riflettori sulla annosa situazione dei lavoratori impiegati nel progetto Scuole Belle e precari da oltre 20 anni. I rappresentanti del Gabinetto del Ministro e la Dirigenza del Miur, che nel corso della mobilitazione hanno ricevuto una delegazione delle organizzazioni sindacali e dei lavoratori, hanno anche convocato per il prossimo 3 dicembre una specifica riunione finalizzata alla risoluzione delle problematiche registrate nel Lotto 6 della convenzione Consip Scuole a Napoli e a Salerno e nei Lotti di competenza del Consorzio CNS-Kuadra in Liquidazione, dove i sindacati denunciano i continui ritardati del pagamento degli stipendi e l’inaffidabilitaÌ delle aziende che attualmente gestiscono l’appalto. Nel merito i sindacati, si legge in un comunicato unitario diramato sui luoghi di lavoro, «hanno rappresentato al Miur la necessità di avere risposte chiare e precise circa le soluzioni da adottare per reale stabilità ai circa 16.000 addetti del settore, dopo la scorsa manifestazione dell’11 settembre, dove lo stesso ministero aveva affermato di voler ricorrere all’internalizzazione dei servizi e degli operatori degli attuali appalti». «Il susseguirsi di notizie e smentite in merito alla soluzione prospettata e quanto inserito nel disegno di legge di bilancio 2019, che prevede uno stanziamento di ulteriori risorse fino al 2021 per la continuita occupazionale e la garanzia del reddito - prosegue la nota sindacale congiunta - non supportano quanto affermato dal ministero».Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltrasporti «hanno denunciato che la prospettiva di proseguire un ulteriore anno scolastico nelle medesime condizioni odierne non eÌ sostenibile per le difficoltaÌ che si sono registrate nel corso della gestione di “Scuole Belle”». Per il segretario nazionale della Fisascat Cisl Fabrizio Ferrari «è urgente e necessario definire una soluzione di prospettiva per i lavoratori precari da oltre 20 anni che hanno bisogno di garanzie occupazionali e di prospettive certe sulle retribuzioni». «Il nostro auspicio – ha concluso – è che gli incontri convocati dal ministero possano stabilire un progetto condiviso sulla stabilizzazione dei lavoratori e sulla annunciata internalizzazione dei servizi come anche sulla risoluzione delle problematiche che attanagliano la convenzione Consip Scuole nel mezzogiorno d’Italia».

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa