Edilizia. Macale (Filca): "Governo deve essere più sensibile alla sicurezza sul lavoro"

Roma, 21 dicembre 2018. “Mentre i dati Inail parlano di un pericoloso aumento delle vittime sul lavoro, il governo pensa bene di tagliare i fondi destinati all’Istituto e che servono a finanziare progetti di investimento e formazione in salute e sicurezza. Un provvedimento che ci indigna e grida vendetta, e contro il quale ci batteremo con ogni mezzo, anche perché il settore edile è quello in cui si verificano più incidenti”. Lo ha dichiarato Stefano Macale, segretario nazionale della Filca-Cisl. “Di fronte ai dati Inail, che parlano di una vera strage sui luoghi di lavoro, è gravissimo che il governo non solo non intervenga, ma addirittura faccia un regalo alle aziende, consentendo loro di risparmiare sulla sicurezza. Lo troviamo davvero ingiusto e inaccettabile. E lo stesso annuncio del governo, che ha assicurato l’assunzione di ispettori del lavoro ma solo nei prossimi anni, lascia il tempo che trova, perché se davvero hanno a cuore la salute dei lavoratori non avrebbero effettuato questi tagli. La nostra impressione – conclude Macale – è che il governo, così come avvenuto sulle grandi opere, sul Codice appalti, sulle pensioni, sulla ricostruzione post terremoto e sul fisco, stia calpestando quei principi di legalità, giustizia sociale, sviluppo e rispetto dei diritti che sono alla base della società e sono propedeutici al rilancio del Paese”.

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa