• Notizie
  • News Categorie e Servizi

Pesca. Fai Cisl: “Rilanciare occupazione in acquacoltura, settore responsabile e sostenibile”

Parigi 31 gennaio 2019 - Produzione, sostenibilità, responsabilità, sicurezza alimentare, futuro della PCP (Politica Comune della Pesca), impatto sull’acquacoltura: sono alcuni dei temi affrontati nel consiglio consultivo per l’acquacoltura (ACC) svoltosi ieri e oggi a Parigi. A renderlo noto è la Fai Cisl, presente all’iniziativa con una delegazione composta dal Segretario nazionale Silvano Giangiacomi e il coordinatore nazionale Pierpaolo Piva.
“L’acquacoltura – dichiara Giangiacomi – è un settore dalle enormi potenzialità ma ancora da valorizzare in Italia. È necessario affrontare alcune sfide a livello europeo. Primo, la promozione della competitività, puntando su concorrenza leale, qualità degli standard ambientali, e assicurazione di un’etichettatura equa per UE e paesi terzi. Inoltre, occorre garantire uno sviluppo e una stabilità sostenibili, guardando a produzioni con alte prestazioni, alla disponibilità dei trattamenti, ad alimenti di qualità, alla tutela della salute dei consumatori. Infine, va migliorata la governance del comparto, attuando correttamente le norme europee e riducendo l’onere amministrativo per i produttori”.
“Accanto a queste sfide – conclude Giangiacomi – dev’esserci l’obiettivo più grande, che è quello di conciliare sviluppo, tutele e incremento occupazionale. Indispensabile, un’adeguata formazione per i tanti giovani che vogliono avvicinarsi a questo settore, per inserirli poi in un percorso lavorativo di crescita umana e professionale dalle prospettive davvero interessanti”.
Secondo la Commissione Europea, l'acquacoltura rappresenta in Europa quasi il 20% della produzione di pesce e dà lavoro a circa 85000 persone. Il comparto è composto principalmente da PMI e microimprese delle zone rurali e costiere. Nell'UE il volume della produzione complessiva è rimasto più o meno invariato dal 2000, mentre nello stesso periodo la produzione mondiale è cresciuta di quasi il 7% l'anno.

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa