• Notizie
  • News Categorie e Servizi

Parmalat, Fai Cisl Flai Cgil e Uila Uil: "Dal gruppo rassicurazioni sugli assetti industriali italiani"

Roma 8 febbraio 2019 - Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil hanno incontrato oggi l’amministratore delegato del Gruppo Lactalis Italia e Parmalat, Jean Marc Besnier, insieme a una rappresentanza del management italiano. L’azienda, fanno sapere i sindacati, nel confermare la propria decisione di far uscire la Parmalat dalle negoziazioni di Borsa a partire da marzo, ha confermato la centralità delle attività di Galbani e Parmalat in Italia. Nel confermare la volontà di continuare ad investire nel nostro Paese, Bernier ha ribadito l’importanza dei marchi e del territorio italiano, garantendo nel contempo le attività di filiera.
L’Italia con i suoi 5.000 dipendenti, 14 stabilimenti e 2,2 miliardi di euro di fatturato, rappresenta il secondo Paese in ordine di importanza dopo la Francia.
Come richiesto da Fai-Flai-Uila, il Gruppo si è impegnato a convocare, nei prossimi giorni, i rispettivi coordinamenti nazionali delle Rsu di Parmalat e Galbani per una più puntuale informativa, ripristinando cosi un corretto sistema di relazioni sindacali.
Resta poi ancora aperta la vicenda della Centrale del latte di Roma, sulla quale i sindacati esprimono forti preoccupazioni.

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa