• Notizie
  • News Categorie e Servizi

Terziario. L’11 giugno a Roma la II Conferenza Organizzativa della Fist Cisl. Oltre 300 i delegati a confronto sulle linee programmatiche della federazione del terziario della Cisl

Roma, 7 giugno 2019 – Il terziario si conferma comparto prevalente dell’economia italiana dove si concentra oltre il 70% dell’occupazione in un mercato del lavoro sempre più caratterizzato da forme di impiego riconducibili alla gig economy.
Ma come ampliare diritti e tutele ai nuovi lavori dell’economia on demand a prescindere dalla tipologia del rapporto di lavoro? L’11 giugno a Roma la II Conferenza Organizzativa della Fist Cisl - la Federazione Italiana dei Sindacati del Terziario nata nel 2014 dall’accorpamento delle federazioni sindacali del commercio turismo e servizi e del lavoro autonomo, atipico e somministrato Fisascat Cisl e Felsa Cisl – si confronterà sui nuovi scenari e sulle linee programmatiche da attuare per assicurare nuove forme di rappresentanza e tutela nel settore dei servizi nell’era dell’innovazione digitale e dell’invecchiamento demografico.
I lavori si apriranno con la relazione introduttiva del segretario generale della Fist Cisl nazionale Pierangelo Raineri e con l’intervento di Alke Boessinger, segretaria geenrale aggiunta di UniGlobal Union, il sindacato internazionale del terziario e dei servizi. A seguire il dibattito degli oltre 300 delegati e l’intervento conclusivo della segretaria generale della Cisl Annamaria Furlan.
«Partiremo da un’analisi del sindacato del terziario, interlocutore attento alle evoluzioni del mercato del lavoro e ai nuovi scenari economici che inevitabilmente riflettono sulle condizioni di impiego di milioni di lavoratori per i quali il sindacato dovrà essere sempre più capace, attraverso la contrattazione e strategie e politiche negoziali, di assicurare salari adeguati, nuovo welfare e soprattutto l’occupabilità ai tanti esclusi dal mercato del lavoro» ha dichiarato il segretario generale della Fist Cisl Pierangelo Raineri. «Affrontare i temi economici, sociali ed occupazionali e ragionare sugli scenari globali e sulle prospettive del lavoro nel terziario, comparto sempre più prevalente della nostra economia e nel mondo - ha concluso il sindacalista – è inevitabile per un sindacato che sempre più vuole interpretare le esigenze delle lavoratrici e dei lavoratori del terzo millennio».

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa