• Notizie
  • News Categorie e Servizi

Gruppo Sapio. Doppio accordo con i sindacati: aumento dell’occupazione, attraverso deroghe al decreto dignità, e bonus di mille euro per 904 dipendenti

Roma, 23 luglio 2019 - Incremento dell’occupazione, ed in particolare di quella a tempo indeterminato, anche attraverso una serie di deroghe alla normativa vigente, e la corresponsione di un bonus di 1.000 euro per i 904 dipendenti di 7 controllate del Gruppo Sapio. È il risultato di due diversi accordi sottoscritti questa mattina dal direttore delle risorse umane del Gruppo, che produce gas industriali, e dai sindacati di categoria Filctem Cgil, Femca Cisl, Uiltec Uil, alla presenza dei rappresentanti di Assolombarda Confindustria Milano Monza e Brianza, Lodi. “Si tratta di un accordo moderno e innovativo - spiegano dalla Femca-Cisl nazionale – che risponde alle esigenze di flessibilità dell’azienda e che è stato raggiunto grazie al dialogo aperto e costruttivo con il Gruppo. L’intesa ha come obiettivo la graduale trasformazione dei contratti a tempo determinato in contratti a tempo indeterminato, e prevede in particolare che i contratti a tempo determinato possano essere rinnovati fino ad un massimo di 36 mesi senza l’applicazione della causale, e quindi in deroga al decreto legislativo 81/2015, e per un massimo di 5 volte all’interno del periodo di 36 mesi, senza l’applicazione della causale. L’azienda, da parte sua, si impegna ad aumentare i dipendenti a tempo indeterminato secondo un piano triennale che prevede la stabilizzazione di personale con contratto a tempo determinato. Azienda e sindacati si incontreranno ogni 12 mesi per un monitoraggio dell’accordo. Nel corso dell’incontro di questa mattina – prosegue la Femca nazionale – è stato inoltre sottoscritto un verbale di accordo per la corresponsione di un bonus di 1.000 euro, deciso dall’azienda a seguito dell’incremento degli indici di redditività. Il bonus, che si aggiunge alla somma stabilita dall’accordo integrativo, sarà corrisposto a tutti i dipendenti, anche a quelli part-time, se l’Ebitda del 2019 sarà incrementale rispetto al 2018 nella misura del 2,4%. Il dipendente potrà scegliere di percepire il bonus in busta paga o in crediti welfare, con la possibilità di destinarli al fondo integrativo pensionistico Fonchim. Insomma – conclude la Femca - si tratta di due accordi che valorizzano la qualità delle relazioni sindacali, che superano alcune criticità previste dal decreto dignità e dalla normativa vigente, e che portano vantaggi ai lavoratori sia in termini di occupazione, con la stabilizzazione di numerosi contratti, che in termini economici, con la corresponsione del bonus”.

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa