• Notizie
  • News Categorie e Servizi

Contratti. Papotto (Cisl Medici): "Vogliamo che l’Italia ed il sistema sanitario siano ancora un punto di riferimento assoluto"

Roma, 10 Ottobre 2019 - "Nessuna categoria ha dovuto aspettare dieci anni per vedere qualche misero adeguamento retributivo e la Cisl Medici, dopo molte resistenze,  ha acconsentito a firmare  non certo per i lauti aumenti, ma solo perché c’erano evidenti miglioramenti in previsione riguardo ai giovani colleghi e altre novità positive" Così il Segretario generale della Cisl Medici, Biagio Papotto sull'annoso tema del rinnovo dei contratti.
"Come Cisl Medici - prosegue Papotto -  abbiamo la faccia tosta di rimarcare che il contratto appena firmato era già scaduto, che nella nota di aggiornamento al DEF ci sono risorse largamente insufficienti per i contratti, che gli sbandierati due miliardi in più sono solo la conferma di quanto doveva già esserci e che il Sistena Sanitario Nazionale ha assoluta di essere profondamente aiutato a risollevarsi, con robuste iniezioni di personale, in tutti i ruoli.
Devono essere rivisti i calcoli per il numero chiuso, per le scuole di specializzazione e devono sparire le miopi tendenze ai tagli lineari, al risparmio immediato ed effimero che può essere vantato sul momento, salvo poi far pagare “lacrime e sangue” a tutti i contribuenti quando le cose vanno inevitabilmente a finir male.
La CISL Medici ha predisposto lettere di richiesta d’incontro ai ministri competenti in tema di Salute, Funzione Pubblica e Affari Regionali. Andremo a spiegare le nostre idee, a chiedere rassicurazioni non solo economiche ma anche normative e di largo respiro, convinti come siamo che il sistema sanitario debba essere assolutamente universalistico e solidale, equilibrato su tutto il territorio nazionale, senza vacue “fughe in avanti” e rischiosi egoismi di politica locale.
Noi vogliamo tutto questo, Noi "Vogliamo che l’Italia e la sua sanità siano ancora un punto di riferimento assoluto. Nonostante i politici che evidentemente ancora non l’hanno capito" - copnclude Papotto.

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa