Appalti Scuole Statali. Dal 1° marzo al via l’internalizzazione dei servizi di pulizia, ausiliariato e decoro

Roma, 8 gennaio 2020 – Sempre più vicino l’avvio del processo di internalizzazione dei servizi di pulizia, ausiliariato e decoro degli istituti scolastici statali dal 1° marzo 2020 con la prosecuzione del servizio fino al mese di febbraio 2020 garantito dalle risorse stanziate con il Decreto Scuola (28 milioni per i servizi di pulizie, 16 milioni al mese per il progetto Scuole Belle). Oggi alle ore 14.00 scadrà il termine per la presentazione delle domande on-line per la procedura selettiva prevista dal Bando conseguente al Decreto che, precisano i sindacati di categoria Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltrasporti in un volantino unitario, pur recependo “alcune modifiche, a partire dalle modalità e dai criteri necessari per l’internalizzazione e dall’introduzione di una seconda fase che recupera posti disponibili e abbassa i requisiti richiesti, non è sufficiente” perché, stigmatizzano, “molte lavoratrici e lavoratori rischiano comunque di non vedere alternative al licenziamento e troppi vedranno proporsi assunzioni part-time peggiorando il proprio reddito”. Sono proprio i numeri delle previste assunzioni dirette previste dal Decreto - 11.236 a fronte dei 16.019 occupati - a destare molta preoccupazione in casa sindacale dove è stato deciso di proclamare per il 21 gennaio una nuova giornata di mobilitazione e uno sciopero generale nazionale con manifestazione e presidio a Roma in Piazza Monte Citorio dalle ore 9.30.
Le tre federazioni di categoria Cgil Cisl Uil, giudicando la situazione “inaccettabile”, puntano il dito contro “il Miur e il Governo” che “non hanno avuto abbastanza coraggio per fare tutte le modifiche richieste dalle organizzazioni sindacali, utilizzando altresì tutte le risorse necessarie per dare continuità di occupazione e di reddito alla totalità dei 16mila lavoratrici e lavoratori impiegati oggi negli appalti scuole statali”. Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltrasporti rivendicano “ulteriori interventi” e chiedono di individuare nei due mesi che precedono il processo di internalizzazione, “soluzioni, risorse economiche e percorsi di sostegno, formazione e ricollocazione che non lascino fuori nessuno”.
Le tre sigle sollecitano “Il Governo, il Miur, Il MLPS e gli altri Ministeri coinvolti a convocare Cgil, Cisl e Uil per affrontare complessivamente la vertenza” che rischia di trasformarsi in un vero dramma sociale per migliaia di lavoratrici e lavoratori e per le loro famiglie. “Un impegno – affondano nella nota congiunta - che deve essere assunto subito perché le imprese hanno già attivato le procedure di licenziamento collettivo per tutto il personale presente attualmente negli appalti” e che “dopo l’incontro al Ministero del Lavoro convocato per il 9 gennaio rischiano di diventare effettivi”. I sindacati richiamano infine “il Governo, il Miur, il Mlps e le Imprese” ad una assunzione di “responsabilità di trovare le soluzioni necessarie a dare continuità occupazionale e di reddito a tutti e scongiurare quello che sarebbe un inaccettabile epilogo del percorso di internalizzazione”.

Stampa