• Notizie
  • News Categorie e Servizi

Sanità. Cisl Medici: "Bene legge antiviolenza contro i sanitari. si poteva fare di più"

Roma, 6 agosto 2020 - Il DDL presentato già nel 2017 dagli allora Ministri della Salute, dell’Interno, della Giustizia, e degli Affari Regionali riguardante le “disposizioni in materia di sicurezza per gli esercenti le professioni sanitarie e socio-sanitarie nell’esercizio delle loro funzioni “ha finalmente concluso il suo iter con l’approvazione al Senato. Esprimiamo soddisfazione sull’impianto generale di una legge attesa da molto tempo e per la quale la Cisl Medici ha più volte a gran voce chiesto il suo licenziamento perché ritenuta non più procrastinabile al fine di tutelare i Medici e i Professionisti Sanitari durante l’espletamento della loro Professione da atteggiamenti ed azioni lesive della dignità professionale e purtroppo al contempo del diritto di altri pazienti a ricevere le cure e l’assistenza loro dovute e costituzionalmente garantite.
La costituzione di un Osservatorio nazionale sulla sicurezza degli Esercenti le Professioni Sanitarie e Socio Sanitarie formato per metà da rappresentanti donne e per metà da rappresentanti uomini rende giustizia delle troppe umiliazioni fisiche e psicologiche subite da Medici e Professionisti Uomini e Donne nell’espletamento della loro attività.
L’esplicito richiamo al codice penale con la previsione della procedibilità d’Ufficio, le circostanze aggravanti e le misure di prevenzione (protocolli operativi con le forze di polizia) sono misure dolorosamente necessarie per contrastare il dilagare ingiustificato degli episodi di molestie e violenza a danno dei Professionisti Sanitari. La limitazione alle lesioni gravi o gravissime ne limita l’efficacia.
L’attenzione all’educazione e alla prevenzione contro la violenza nei confronti degli operatori sanitari e socio-sanitari ci apre alla speranza di un miglioramento culturale nell’animo, nel cuore, nella mente di un popolo la cui civiltà radicata su un glorioso passato deve continuare a rappresentare un faro per il futuro.
La CISL Medici metterà a disposizione le proprie competenze ed energie per una puntuale applicazione della legge contro la violenza verso gli operatori sanitari e continuerà a fornire il proprio contributo per possibili eventuali e futuri miglioramenti.

Stampa