• Notizie
  • News Categorie e Servizi

Chimici. Garofalo (Femca Cisl): "Dl Semplificazioni. Emendamento su trivelle è colpo mortale a politiche energetiche del paese"

Roma, 7 agosto 2020. "L' eventuale approvazione dell'emendamento sulle trivelle, proposto nel decreto Semplificazioni, darebbe un colpo mortale allepolitiche energetiche del Paese, condannandoci alla sudditanza dagli Stati esteri e provocando il licenziamento di decine di migliaia diaddetti, concentrati nel ravennate, in Basilicata e in Sicilia. Il Governo non permetta questo scempio e non consenta il blocco delle trivellazioni". La segretaria generale della Femca-Cisl, Nora Garofalo, commenta così la proposta sul Pitesai, il Piano per latransizione energetica sostenibile delle aree idonee, che se approvata determinerebbe il blocco dell'attività estrattiva nelPaese. "Questa proposta - spiega Garofalo - è il frutto di unapproccio che è solo ideologico davanti ad una problematica che investe tutti i cittadini, perché si parla dell’autosufficienza del nostro Paese sul fronte delle politiche energetiche. Alcune forze politiche, invece di assecondare gli istinti più bassi, come emerso palesemente nel corso della campagna referendaria dell’aprile di 4 anni fa e nella discussione sul Milleproroghe, dovrebbero riflettere sulle conseguenze delle loro proposte. Bloccare le trivelle vuol dire annullare la produzione di gas, determinando così la chiusura dei pozzi e assestando un colpomortale al settore. Vuol dire lasciare nell’incertezza le compagnie energetiche, con ricadute drastiche sul fronte occupazionalee conseguenze sociali devastanti. Vuol dire condannare l'Italia alladipendenza assoluta dagli altri Paesi. Quando il Governo deciderà dipuntare davvero sulle politiche di sviluppo, anziché su misure assistenziali come il reddito di cittadinanza, non sarà mai troppotardi", ha concluso la segretaria generale della Femca.

Stampa