• Notizie
  • News Categorie e Servizi

Fca, Sevel. Fim Cisl: "Positivo l’ingresso di altri 100 nuovi giovani per rispondere alla salita produttiva"

2 Ottobre 2020 - "Nella giornata di oggi la direzione Sevel ha convocato l’Esecutivo del Consiglio di Fabbrica e ha comunicato una crescita produttiva e occupazionale. Nello specifico, si intensificherà la produzione, nel pieno rispetto delle normative di prevenzione su covid-19, al fine di recuperare la produzione persa, in particolare nel periodo del lockdown". E' quanto riferito dal  Segretario nazionale Fim Cisl, Ferdinando Uliano e dal Segretario generale Fim Cisl Abruzzo, Domenico Bologna spiegando che "questo determinerà l’ingresso di altri 100 lavoratori con contratto di somministrazioni a tempo determinato, fino a fine dell’anno ma con la prospettiva di una loro proroga nei mesi successivi".

"E’ una notizia molto positiva - osservano - in questo periodo dove le preoccupazioni più grandi nel nostro Paese e nel territorio sono legate agli impatti negativi sull’occupazione che la pandemia ha avuto e sta avendo con rischi di licenziamenti e tenuta occupazionale. Una gran bella notizia in controtendenza e che da speranza a tutto il settore metalmeccanico. La Sevel rappresenta una punta avanzata nel Gruppo FCA e nel futuro gruppo Stellantis, i cui risultati vanno assegnati al grande contributo e professionalità dato dalle lavoratrici e lavoratori del sito abruzzese e dall’azione del sindacato come la Fim Cisl che con le proprie scelte e l’azione contrattuale ha definito accordi che hanno consentito al gruppo Fca e Psa d’investire in questo stabilimento. In Sevel l’occupazione è in continua crescita attestandosi, attualmente con questi ingressi su oltre 6.500 lavoratori impiegati, di cui, circa con 500 con contratto in somministrazione, molti a tempo indeterminato. Nei prossimi mesi dovremo agire sindacalmente, come abbiamo fatto nel passato, per capitalizzare questa salita produttiva inserendo nell’organico di FCA i lavoratori oggi in somministrazione" concludono Uliano e Bologna.

Stampa