Rapporto OCSEL 2016: crescono gli accordi aziendali. "La contrattazione, vitale per uscire dalla crisi"

industry 798642 1920Crescono in Italia gli accordi aziendali sottoscritti dal sindacato sulla competitivà, la qualità e la ripresa produttiva. E' il dato che emerge dall'analisi dei circa 1000 accordi complessivi stipulati da aziende e sindacati nel 2015/2016 presenti nell' Osservatorio della Contrattazione di 2° livello della CISL (OCSEL è il database in cui i contrattualisti della Cisl di tutta Italia stanno facendo confluire i propri dati).

Gli accordi aziendali presenti in OCSEL e stipulati dal 2009 ad oggi sono 5.720 di cui 470 nel 2015 e 525 nel 2016, per un totale nel biennio di 995 accordi. In particolare emerge che nel 2016 sono aumentati gli accordi per le riconversioni aziendali che rappresentano il 29% delle intese sul totale degli accordi con un aumento di 7 punti rispetto al 2015.
Questo, secondo la Cisl , è un dato interessante che testimonia i processi di cambiamento ed innovazione che molte aziende stanno intraprendendo per riposizionarsi in un mercato sempre più competitivo affrontando la crisi e realizzando nel contempo politiche industriali. “Nell’ultimo biennio la contrattazione di 2° livello è mutata – sottolinea il Segretario Confederale della Cisl, Gigi Petteni, commentando i dati - non è più segnata solo dalla crisi, ma anche dai nuovi processi di competitività e di ripresa che aumentano le occasioni di rilancio”.

Naturalmente uno degli istituti maggiormente contrattati in azienda continua ad essere la gestione delle crisi con una percentuale del 38% nel 2015 e 36% nel 2016 per un numero complessivo di lavoratori coinvolti pari a 179.830. A stipulare maggiormente accordi di crisi sono le aziende di grosse dimensioni cioè i Gruppi (75% nel 2015 e 76% nel 2016), la cui contrattazione è valida per tutti gli stabilimenti presenti nel territorio nazionale, seguiti dalle intese sottoscritte nelle Regioni del Nord (13 % nel 2016, 10% nel 2015) e nel Centro ( 10% nel 2016, 12% nel 2015). La bassa percentuale di produzione contrattuale nelle Regioni della macro area sud e isole (2% nel 2015 ) è dovuta principalmente al minore tessuto produttivo presente in tali territori .

Crescono nel 2016 gli accordi sulla crisi nel settore del Commercio ( dal 49% nel 2015 si passa al 51% nel 2016) e nel settore della Chimica e Affini ( dal 8% nel 2015 si passa ad un 15% nel 2016) mentre si riducono nel 2016 quelli stipulati in aziende appartenenti al settore delle Aziende di servizi (16% nel 2015, 10% nel 2016) al settore Manifatturiero (Tessile- Abbigliamento – Calzature -6% nel 2015, 4% nel 2016). • Si osserva nel 2015 una maggiore negoziazione della Cassa integrazione guadagni nelle sue tipologie (30 % ) percentuale che si quasi dimezza nel 2016 (16%). Seguono, sempre nel 2016 il ricorso alla mobilità ex legge 223/91 e 236/93 (28%) percentuale che aumenta di 3 punti rispetto al 2015 (25%). • Il ricorso al contratto di solidarietà mantiene una percentuale pressoché stabile, diminuisce di un solo punto percentuale nel 2016 (17%) rispetto all’anno precedente ( 18%). Gli accordi sulla riduzione di organici nel 2016 aumentano di due punti percentuali (7% nel 2015 , 9% nel 2016) .

L’adozione di varie forme garanzie per il mantenimento dei livelli occupazionali in aziende in crisi sono previste nell’ 3% degli accordi sulle gestioni delle “Crisi Aziendali” sia nel 2015 che nel 2016. Sempre a tutela dell’occupazione il 6% degli accordi cosiddetti difensivi ha negoziato forme di ricollocazione dei lavoratori presso altre aziende del gruppo e/o subentrate nella gestione nel 2015, minore la percentuale nel 2016 (2%). In crescita nel 2016 la percentuale ( 3% nel 2015 , 5% nel 2016) degli accordi ha negoziato forme di ricollocazione di lavoratori nel mercato del lavoro attraverso iniziative di outplacement e/o formazione strettamente finalizzate alla ricollocazione sul mercato del lavoro esterno. • In crescita – infine - nel 2016 le forme di incentivazione per l’uscita dal mercato del lavoro (quali: incentivi all’esodo (11% nel 2016 in crescita rispetto al 2015 di tre punti percentuali), mentre diminuiscono nel 2016 gli accordi che prevedono misure di accompagnamento alla pensione (3% nel 2016 in diminuzione rispetto al 2015 di 4 punti percentuali.

Roma, 4 febbraio 2017

Allegati:
FileDimensione del File
Scarica questo file (Report-OCSEL-2015-2016.pdf)Dati OCSEL 2015/2016228 kB

Leggi anche:

Contrattazione. Petteni: Contrattazione. Petteni: "I 20.908 contratti di produttività negoziati, rappresentano un patrimonio per le relazioni sindacali e per la crescita"
Roma, 21 aprile 2017- "I dati forniti oggi dal Ministero del Lavoro testimoniano la ripresa di vivacità della contrattazione aziendale e territoriale...

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa