Furlan alla festa di 'Avvenire' a Matera: “Non c'è sviluppo senza legalità e sicurezza nel territorio”

27 giugno 2019 - “"La centralita’ del lavoro, la legalita’ e lo sviluppo sono i tre fattori indissolubili su cui bisogna lavorare tutti insieme. Non c'è sviluppo senza legalità e sicurezza nel territorio”. Così la Segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan ospite a Matera alla terza Festa di 'Avvenire' dove si discute di 'Giovani, lavoro e legalità'.  "Purtroppo  in tutti questi anni non c'è stata attenzione del governo sull'innovazione tecnologica, sulla formazione, non si parla mai dei giovani che vanno via dal sud, un vero dramma sociale" ha detto osservando che "il lavoro non puo’ essere il sussidio e non si e’ liberi quando  si e’ disoccupati. Attraverso il lavoro teniamo insieme le generazioni. Creiamo pace, diamo dignità alla persona! Il dramma della mia generazione e’ quello di non consegnare un mondo migliore ai giovani soprattutto nel Sud".  Si è poi espressa sulla difficile situazione dei 42 migranti a bordo della Sea Watch 3. "L'Italia, è un paese di migranti e non può chiudere gli occhi di fronte al grido di dolore della Sea Watch"  ha sottolineato. "Accogliere chi scappa dalla guerra e dalle persecuzioni è un dovere universale di ogni popolo civile e va' al di la' della linea dei governi. La vita umana deve venire prima di ogni cosa"- ha aggiunto. 
"Avvenire e’ un bel giornale. E grazie al suo direttore Marco Tarquinio,  - ha poi concluso - ha un valore in piu’ perche’ racconta in maniera puntuale i fatti ma mettendo al centro sempre il rispetto della dignita’ della persona". 

 

Stampa