1. Home
  2. »
  3. Comunicati stampa
  4. »
  5. Istruzione. Colombini: “ISTAT conferma criticità Italia....

Istruzione. Colombini: “ISTAT conferma criticità Italia. Usare bene risorse stanziate”

Pubblicato il 8 Ott, 2021

 

“Il rapporto Istat sui livelli di istruzione in Italia per il 2020 conferma le criticità da anni riscontrate e alle quali il PNRR con le riforme e gli investimenti previsti intende porre rimedio, speriamo con successo”. Lo dichiara in una nota il Segretario confederale della Cisl, Angelo Combini. “Questi sei anni devono servire per calare le riforme nella pratica quotidiana dei sistemi di istruzione, formazione e lavoro- sottolinea Colombini- per aggredire i ritardi, le disuguaglianze, le disparità territoriali e le lacune che per troppi anni sono stati sottovalutati. Abbiamo a disposizione 17 miliardi per la scuola e 9 per la ricerca, risorse che dopo lunghi anni di tagli a questi importanti settori, se ben utilizzate potranno davvero farci dimenticare i report come quello odierno dell’Istat, e farci fare un salto deciso verso i valori della media europea sui tanti, troppi targets che ci vedono in fondo alle classifiche: dispersione scolastica, divari territoriali, bassa percentuali di laureati, bassa percentuale di adulti che partecipano alla formazione, solo per citarne alcuni. Ieri, il Ministro Bianchi e la Ministra Messa, in audizione alla Cabina di regia sul PNRR, hanno illustrato la missione 4 che riguarda i loro Ministeri e hanno annunciato che alcune riforme saranno attuate entro il 2021, ma la maggior parte entro il prossimo anno. Le organizzazioni sindacali hanno chiesto ripetutamente di essere coinvolte e di partecipare sia all’individuazione dei principi delle riforme su aspetti che riguardano materie contrattuali come il reclutamento e la formazione iniziale e continua e su altri legati invece a norme di sistema, come l’orientamento e la riforma della formazione tecnica e professionali e degli ITS, sia alla condivisione delle azioni che porteranno all’emanazione dei bandi. Abbiamo iniziato il confronto con il Ministro Bianchi ormai più di un mese fa ma tranne la prima riunione interlocutoria di avvio dei lavori non siamo più stati convocati”. “Chiediamo quindi- conclude Colombini- un’accelerazione dell’interlocuzione che vada oltre la mera informazione sui contenuti delle misure adottate e che tenga conto delle proposte dei rappresentanti dei lavoratori dei settori scuola, università e ricerca”.

Condividi