Scuola. Firenze: Venerdì 12 febbraio 2016, giornata nazionale di mobilitazione per i diritti dei precari

Firenze, 11 Febbraio 2016. Era stata pomposamente ribattezzata ‘la buona scuola’, ma via via che è andata a regime la legge 107 del 2015 ha rivelato tutti i suoi limiti, confermando i timori espressi da tempo dai sindacati. Che non erano preoccupati perché sono gufi, ma perché il mondo della scuola lo conoscono bene. In questi mesi si sono manifestati tanti problemi, a cominciare dalla situazione dei precari a cui la legge non ha dato le risposte chieste anche dalla Corte Europea di Giustizia. I precari ci sono ancora, non sono stati tutti riassorbiti, ma il concorso che è stato bandito li ignora completamente. E il Ministero rifiuta ogni confronto con loro e che le organizzazioni sindacali. Per questo non c’è altra strada per i lavoratori precari della scuola che tornare in piazza per cercare di informare i cittadini, a cominciare dai genitori, di quello che sta succedendo nel mondo della scuola italiano. Venerdì 12 febbraio è in programma in tutta Italia una giornata di mobilitazione per i diritti dei precari. A Firenze è in programma un presidio davanti alla sede della Prefettura (via Cavour 1) dalle ore 12 alle 14. Alle ore 13 si svolgerà un incontro stampa, durante il quale i rappresentanti sindacali spiegheranno qual è la reale situazione dei precari della scuola. E quali sono le richieste per evitare che venga commessa una grave ingiustizia nei loro confronti.

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa