Nuovo modello di relazioni industriali. Cgil, Cisl, Uil regionali: mille assemblee in Toscana

Firenze, 24 febbraio 2016. Mille assemblee sui luoghi di lavoro in Toscana per presentare il nuovo modello di relazioni industriali elaborato da Cgil, Cisl e Uil nazionali. E’ la campagna lanciata questa mattina dagli Esecutivi unitari dei sindacati toscani riuniti nell’Auditorium della Cisl a Firenze. “Finalmente una proposta unitaria delle organizzazioni sindacali – hanno detto i Segretari generali di Cgil, Cisl e Uil della Toscana, rispettivamente Dalida Angelini, Riccardo Cerza e Francesca Cantini - . E’ questo, insieme ai contenuti concreti, il punto forte della proposta, la ritrovata unitarietà di proposta. E’ una risposta a chi vuole ammazzare il sindacato; il sindacato serve in Italia e in Toscana in particolare, perché dobbiamo alzare la qualità del lavoro e la produttività. Serve una contrattazione di secondo livello più estesa, un confronto in azienda e un cambio di relazioni industriali.” Le conclusioni dell’assemblea sono state affidate a Tiziana Bocchi, della Segreteria nazionale Uil. E’ partito così anche in Toscana il confronto sulla proposta unitaria che Cgil, Cisl e Uil nazionali hanno inviato a tutte le controparti per l’apertura di un confronto finalizzato a definire un nuovo progetto di relazioni industriali per l’intero mondo del lavoro e dell’impresa, in grado di affermare il ruolo delle parti sociali come elemento di democrazia, di tutela e miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro, oltre che di sviluppo economico e sociale del Paese.

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa