Toscana. Annamaria Furlan al Consiglio generale della Cisl di Firenze e Prato Riforma del modello contrattuale, nuove relazioni sindacali, fisco, pensioni i temi al centro del dibattito

Firenze, 18 Marzo 2016. Riforma del modello contrattuale e nuove relazioni sindacali, vertenza pensioni, fisco, sono alcuni dei temi, accanto ovviamente alla situazione economico-occupazionale del territorio, che saranno al centro del Consiglio generale della Cisl di Firenze e Prato, in programma martedì prossimo, 22 Marzo, a Firenze (Auditorium Cisl Toscana, via Dei 2/a) a partire dalle 9,30 ed a cui prenderà parte anche la Segretaria generale nazionale della Cisl Annamaria Furlan. L’appuntamento arriva a pochi giorni dalla mobilitazione nazionale unitaria del 2 Aprile, per chiedere al Governo di non rimandare al prossimo anno lo studio di come reintrodurre maggiore flessibilità nell’accesso alla pensione, tenendo insieme le esigenze di bilancio con quelle delle persone, perché non tutti i lavori e non tutte le storie di vita e di lavoro sono uguali e non si può chiedere a un 67enne di salire su un ponteggio. Senza contare che ciò contribuisce oltretutto a lasciare senza lavoro milioni di giovani e al tasso di disoccupazione giovanile più alto d’Europa (dopo Grecia, Spagna e Croazia). I lavori saranno aperti dalla relazione del Segretario generale territoriale, Roberto Pistonina, e conclusi dall’intervento di Annamaria Furlan.

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa