• Manovra Cgil Cisl Uil:

    Manovra
    Cgil Cisl Uil: "Inadeguata e carente di una visione del Paese.
    Al via le assemblee nei luoghi di lavoro con le controproposte del sindacato”

    Continua...

  • InfrastruttureFurlan:

    Infrastrutture
    Furlan: "Urgente sbloccare i cantieri del Terzo Valico, della Tap e della Pedemontana. Il 30 Ottobre a Genova lanceremo le nostre proposte per far ripartire il Paese e gli investimenti"

    Continua...

  • Manovra Cgil Cisl Uil al Governo:

    Manovra
    Cgil Cisl Uil al Governo: "Nel Def mancano risposte incisive su crescita, lavoro, investimenti pubblici"

    Continua...

  • Lavoro Cgil Cisl Uil incontrano Di Maio su ammortizzatori e politiche attive Sbarra:

    Lavoro
    Cgil Cisl Uil incontrano Di Maio su ammortizzatori e politiche attive
    Sbarra: "Segnale di attenzione alla richiesta dei sindacati confederali"

    Continua...

  • Dal territorio

COMUNICATI STAMPA

Riders. Cgil, Cisl, Uil, riconvocare al più presto tavolo al ministero del Lavoro

Roma, 18 ottobre - “La trattativa avviata presso il ministero del Lavoro per dare ai riders tutele contrattuali e normative... continua

Lavoro. Sbarra: "Positivo calo cig ma in parte dovuto al superamento dei periodi massimi. Bene proroghe ammortizzatori, ora devono partire le politiche attive"

Roma, 18 ottobre 2018 - “Prosegue la riduzione della cassa integrazione: nei primi nove mesi dell'anno sono state autorizzati 162... continua

Manovra. Cisl a Ministra Lezzi: "Va garantita la clausola del 34  %  di investimenti per le regioni del Sud"

17 ottobre 2018 - "Una politica circolare, che rilanci effettivamente il Mezzogiorno rendendo più ricco il paese. Questo occorre avviare... continua

Povertà. Furlan: "Chi nasce povero ha meno possibilità di risalire ascensore sociale. Serve politica di crescita economica, sociale e culturale"

17 ottobre 2018 -  “Sono davvero preoccupanti i dati di oggi del Rapporto della Caritas  sull’aumento della povertà nel nostro... continua

Manovra. Furlan:"Troppo debole su investimenti, infrastrutture, innovazione, formazione. Condono fiscale non è certo pedagogico rispetto a lotta evasione"

16 ottobre 2018 - "È chiaro che bisognerà aspettare i testi della manovra per dare una valutazione compiuta. Ma da... continua

Labor TV

Manovra. Furlan: troppo debole su investimenti e infrastrutture

Guarda tutti i video

IN EVIDENZA

A PROPOSITO DI

  • "Nessuna svolta sulla crescita, non si punta sugli investimenti" intervista ad Annamaria Furlan, 'Il Sole 24Ore' del 20 Ottobre 2018

    Furlan2018"Il lavoro è il grande assente, la manovra del Governo è debole ed iniqua. La scelta del Governo di sfidare l'Europa  portando al 2,4% il rapporto deficit-Pil non è legata a politiche espansive. Non si punta alla crescita e manca quella svolta che auspichiamo da tempo per dare una spinta agli investimenti". Lunedì agli Esecutivi unitari con Cgil e Uil presenteremo "un documento unitario che contiene una vera e propria manovra. Va cambiata l'impostazione. Serve una grande alleanza tra le forze produttive, tra imprese e lavoratori, per creare le condizioni  per un vero cambiamento della manovra. Bisogna tornare ai concetti base del Patto della fabbrica, all'affermazione della centralità del lavoro. Il fisco non è considerato come un elemento di equità, come una leva per promuovere il lavoro. Il maxicondono che depenalizza il riciclaggio rappresenta un segnale negativo. Bisogna combattere l'evasione. Il  Governo fa in tempo a cambiare, ad approvare una manovra in favore del lavoro. Quanto al reddito di cittadinanza, nella vaghezza della proposta, è ancora da capire come potrà concretizzarsi in misura di accompagnamento al lavoro. La quota 100? Una buona base di partenza ma resta fuori il tema delle donne che non arrivano a 38 anni di contributi. Bisogna anche affrontare il tema delle pensioni di garanzia per i giovani. E separare la previdenza dall'assistenza. Su questi temi serve un confronto, ma finora è mancato il dialogo.

FOCUS

ISCRIVITI ALLA CISL. INSIEME E' MEGLIO!

tesseramento 2018 orizzontale nologo lowres

Sindacato, contrattazione, tutela e rappresentanza. La persona, il luogo di lavoro, il territorio al centro dell'azione della CISL. Azione di prossimità. Siamo presenti su tutto il territorio con le Unioni sindacali territoriali e con la rete di servizi di assistenza, informazione e orientamento.  Dettagli

Iscriviti 

SCRIVI ALLA CISL

Inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo indirizzo email

Valore non valido

Inserisci il quesito

AggiornaValore non valido

Consenso privacy
 

Porti. Cisl Brindisi: Unica Autorità Portuale per Taranto e Brindisi

Brindisi, 12 luglio 2016. Il sistema della portualità pugliese, per l'attenzione anche del Governo nazionale, oggi più che nel passato è uno specifico produttivo del sistema economico di questa parte di Mezzogiorno; esso è da considerarsi fattore competitivo, vettore di sviluppo che può costituire una svolta per il rilancio economico-sociale delle nostre aree territoriali. Le dichiarazioni di stampa circa l’opportunità di un’unica Autorità Portuale Brindisi Taranto, formalizzate di recente dalla neo sindaca di Brindisi Angela Carluccio al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Del Rio, rilanciano le ragioni da tempo sostenute anche dalla Cisl Taranto Brindisi su questo argomento che può essere davvero determinante per lo sviluppo di entrambi i territori; anche se, forse, avrebbe meritato e merita tutt'ora, sul territorio, maggiore spazio nel dibattito sia politico che amministrativo. Sarebbe opportuno, dunque, recuperare il tempo perduto, prefigurando decisioni condivise che soddisfino compiutamente le esigenze di quest’area alla ricerca di rilancio strutturale ed infrastrutturale. A Brindisi, come già abbiamo avuto modo di argomentare, occorre una visione di sviluppo e di sistema territoriale condivisa attraverso un'alleanza sociale, un patto che coinvolga tutti, nessuno escluso, che possa concordare anche delle questioni che riguardano il futuro della portualità, inserite in un quadro più generale e articolato di economia del mare che comprenda anche altri settori, quali turismo, pesca, trasporti, ecc. Brindisi che fa parte di quel Grande Salento evocato da molti in tempi non lontani e tornato alla ribalta con la soppressione delle Province, è territorio che sappiamo bene offre di sé potenzialità economiche e produttive molteplici e diversificate purtroppo, finora, mai compiutamente attualizzate né mai pienamente messe in rete. Altrettanto indispensabile, tuttavia, è che si evitino logiche di campanile, per cui sarà necessario elaborare, programmare e concretizzare, grazie alla concertazione sociale, opere strategiche infrastrutturali per il presente e per il futuro sociale ed occupazionale di questa parte della Regione pensando, ad esempio, ad una “grande piastra logista del Salento”, dove ogni territorio sia parte attiva con le sue dinamiche commerciali, industriali, turistiche, dei servizi, agroindustriali e con tutto quanto ne consegue. Insomma, basta con le sole analisi! Basta anche con le promesse ed i tanti buoni propositi, perché qui c’è bisogno assoluto di concretezza. Cartina di tornasole, a nostro avviso, sarà la capacità di rilanciare, anche nel linguaggio corrente, le argomentazioni di uno sviluppo sia portuale che retro portuale a rete appunto con i corrispondenti siti ionici e dell'intero Salento, non sottovalutando che altrove analoghe sinergie hanno generato attrattività, progresso, ricchezza sociale e rivitalizzato l’imprenditorialità più illuminata; basti ricordare che un’unica Autorità, costituita da due grandi territori con due grandi storie, avrebbe accessi su due mari l’Adriatico e lo Ionio, nonché disponibili due aeroporti, a Brindisi e a Taranto/Grottaglie che possono serenamente coesistere considerate le diverse caratteristiche per cui sono stati concepiti e si sono sviluppati finora. L’intesa dichiarata da entrambi i sindaci di Brindisi e di Taranto, dovrà comunque essere attentamente approfondita, per quanto essa deponga già favorevolmente per la buona riuscita del progetto in un contesto di ridisegno e di accorpamenti che il Governo intende realizzare nel sistema portuale nazionale e rispetto ai quali è ancora possibile elevare anche le capacità contrattuali come territori “insieme”. Come Cisl auspichiamo che tali scelte siano sostenute da maggioranze politiche quanto più larghe possibili e condivise senza riserve anche dagli operatori economici e dalle rispettive Associazioni di rappresentanza. La moratoria non risolve in sé la questione dell'Autorità portuale di Brindisi, perché servirebbe solo ad accrescere l'incertezza in cambio di una manciata di mesi in più di attesa. Non è esattamente di questo che gli Operatori marittimi di Brindisi né quelli di Taranto hanno bisogno e, meno che mai, i nostri giovani il cui futuro lavorativo prossimo è anche nelle mani dell'attuale classe dirigente. La Cisl Taranto Brindisi è decisamente al fianco di questi giovani che decidono di non scappare via e di scommettere la propria esistenza lavorativa rimanendo qui, in un contesto territoriale da terzo millennio che può e deve misurarsi con scenari sociali ed economici non più circoscritti ma che finalmente guardino all’Europa, al Mediterraneo e al resto del mondo.

CONQUISTE DEL LAVORO

copertina_conquiste_del_lavoro

Manovra, sindacati: mancano sviluppo e lavoro

Cgil Cisl e Uil riuniscono gli esecutivi unitari e presentano proposte comuni. Duro giudizio su flat tax e condono...

Contratto rinnovato per i dipendenti del Sostentamento Clero

Salario, welfare contrattuale ed estensione delle tutele per le famiglie al centro dell’intesacon alta valenza sociale che interessa mille lavoratori...

Industria 4.0, la sfida si chiama formazione

La rivoluzione digitale modificherà il lavoro nelle fabbriche e cambierà il volto delle relazioniindustriali. Ma per non rimanere indietro il...

Ryanair, firmato il contratto collettivo italiano per gli assistenti di volo

Fit Cisl: nostro prossimo obiettivo è migliorare anche il contratto dei piloti del vettore irlandese. Lo scopo finale è dare...

Industria, torna il segno più

Istat: dopo i cali di luglio, il fatturato sale dell’1,2% e gli ordinativi del 4,9%. A settembre frena l’inflazione: meno...

CONQUISTE DEL LAVORO

Manovra, sindacati: mancano sviluppo e lavoro

Cgil Cisl e Uil riuniscono gli esecutivi unitari e presentano proposte comuni. Duro giudizio su flat tax e condono...

Contratto rinnovato per i dipendenti del Sostentamento Clero

Salario, welfare contrattuale ed estensione delle tutele per le famiglie al centro dell’intesacon alta valenza sociale che interessa mille lavoratori...

Industria 4.0, la sfida si chiama formazione

La rivoluzione digitale modificherà il lavoro nelle fabbriche e cambierà il volto delle relazioniindustriali. Ma per non rimanere indietro il...

Ryanair, firmato il contratto collettivo italiano per gli assistenti di volo

Fit Cisl: nostro prossimo obiettivo è migliorare anche il contratto dei piloti del vettore irlandese. Lo scopo finale è dare...

Industria, torna il segno più

Istat: dopo i cali di luglio, il fatturato sale dell’1,2% e gli ordinativi del 4,9%. A settembre frena l’inflazione: meno...

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa