• InfrastruttureFurlan:

    Infrastrutture
    Furlan: "Urgente sbloccare i cantieri del Terzo Valico, della Tap e della Pedemontana. Il 30 Ottobre a Genova lanceremo le nostre proposte per far ripartire il Paese e gli investimenti"

    Continua...

  • Manovra Cgil Cisl Uil al Governo:

    Manovra
    Cgil Cisl Uil al Governo: "Nel Def mancano risposte incisive su crescita, lavoro, investimenti pubblici"

    Continua...

  • Lavoro Cgil Cisl Uil incontrano Di Maio su ammortizzatori e politiche attive Sbarra:

    Lavoro
    Cgil Cisl Uil incontrano Di Maio su ammortizzatori e politiche attive
    Sbarra: "Segnale di attenzione alla richiesta dei sindacati confederali"

    Continua...

  • Dal territorio

COMUNICATI STAMPA

Riders. Cgil, Cisl, Uil, riconvocare al più presto tavolo al ministero del Lavoro

Roma, 18 ottobre - “La trattativa avviata presso il ministero del Lavoro per dare ai riders tutele contrattuali e normative... continua

Lavoro. Sbarra: "Positivo calo cig ma in parte dovuto al superamento dei periodi massimi. Bene proroghe ammortizzatori, ora devono partire le politiche attive"

Roma, 18 ottobre 2018 - “Prosegue la riduzione della cassa integrazione: nei primi nove mesi dell'anno sono state autorizzati 162... continua

Manovra. Cisl a Ministra Lezzi: "Va garantita la clausola del 34  %  di investimenti per le regioni del Sud"

17 ottobre 2018 - "Una politica circolare, che rilanci effettivamente il Mezzogiorno rendendo più ricco il paese. Questo occorre avviare... continua

Povertà. Furlan: "Chi nasce povero ha meno possibilità di risalire ascensore sociale. Serve politica di crescita economica, sociale e culturale"

17 ottobre 2018 -  “Sono davvero preoccupanti i dati di oggi del Rapporto della Caritas  sull’aumento della povertà nel nostro... continua

Manovra. Furlan:"Troppo debole su investimenti, infrastrutture, innovazione, formazione. Condono fiscale non è certo pedagogico rispetto a lotta evasione"

16 ottobre 2018 - "È chiaro che bisognerà aspettare i testi della manovra per dare una valutazione compiuta. Ma da... continua

Labor TV

Manovra. Furlan: troppo debole su investimenti e infrastrutture

Guarda tutti i video

IN EVIDENZA

A PROPOSITO DI

  • "Se l'agenda delle infrastrutture non decolla", lettera aperta di Annamaria Furlan, 'Il Messaggero' 17 Ottobre 2018

    Furlan2018Le vicende emblematiche del Terzo Valico ferroviario in Liguria, del Gasdotto Tap in Puglia e della Pedemontana in Veneto sono la cartina da tornasole di un Paese che non sa decidere sul proprio futuro, incapace di valutare, senza pregiudizi ideologici, qualunquismo ed interessi di bottega, l'importanza degli investimenti pubblici in infrastrutture per la crescita e lo sviluppo complessivo del Paese. (...) E' lunghissima la lista delle opere in fase di realizzazione bloccate da ritardi amministrativi, veti della politica, ricorsi alla magistratura, appalti truccati, revisioni dei prezzi, campagne ideologiche. Parliamo di porti, acquedotti, dighe, raccordi stradali, ferrovie, fino alle scuole dei piccoli comuni. Di 37 opere strategiche programmate negli ultimi 15 anni, solo 11 sono arrivate al traguardo. Si stimano in 33 mila posti di lavoro ed in 75 miliardi di euro le ricadute che lo sblocco di queste opere pubbliche avrebbero sull'economia. Stare al Governo significa in primo luogo fare gli interessi generali del Paese e valutare con rispetto e senso di responsabilità anche le decisioni prese dagli Esecutivi precedenti in raccordo con l'Europa. 

FOCUS

ISCRIVITI ALLA CISL. INSIEME E' MEGLIO!

tesseramento 2018 orizzontale nologo lowres

Sindacato, contrattazione, tutela e rappresentanza. La persona, il luogo di lavoro, il territorio al centro dell'azione della CISL. Azione di prossimità. Siamo presenti su tutto il territorio con le Unioni sindacali territoriali e con la rete di servizi di assistenza, informazione e orientamento.  Dettagli

Iscriviti 

SCRIVI ALLA CISL

Inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo indirizzo email

Valore non valido

Inserisci il quesito

AggiornaValore non valido

Consenso privacy
 

Toscana. Caos scuola: ggi presidio con rappresentazione scenica di Cgil, Cisl, Uil, Snals e Gilda. Distribuito un dossier sulle criticità della scuola fiorentina

Firenze, 26-9-2016 - Cattedre scoperte, disabili senza insegnanti di sostegno, docenti tappabuco, concorso malgestito, personale Ata insufficiente, precari insoddisfatti: oggi i sindacati fiorentini Cgil, Cisl, Uil, Snals e Gilda, con lavoratori e lavoratrici, hanno fatto un presidio davanti all'Ufficio Scolastico regionale in via Mannelli a Firenze per denunciare il caos scuola. Nell'occasione, con una rappresentazione scenica a base di cartelloni, è stato illustrato come dietro il velo della Buona Scuola si nascondano numerose criticità. Un elenco delle quali, per il territorio fiorentino, era presente nel dossier distribuito alla stampa. I sindacati hanno chiesto ai parlamentari toscani di “rimediare a questa situazione, c'è ancora tempo, devono ancora essere fatte le leggi delega su tanti argomenti importanti, noi siamo pronti a confrontarci”.
IL TESTO DEL DOSSIER Organici ancora tagliati All'avvio dell'anno scolastico non si hanno ancora i dati definitivi riguardanti il fabbisogno delle scuole. Da quello che al momento risulta, rispetto al numero di docenti richiesto dalle scuole, mancano all'appello complessivamente circa 40 docenti fra tutti gli ordini di scuola. Tagli e ancora tagli!
Concorso 2016: un fallimento annunciato! Un concorso fatto nel momento sbagliato, con tempi e mezzi inadeguati: commissioni dimissionarie e pagate in maniera ridicola; mancanza di trasparenza nelle griglie di valutazione; bocciature di massa; quesiti non sempre pertinenti a ciò che viene svolto realmente nelle scuole; tempi di esecuzione delle prove da catena di montaggio; graduatorie di merito non ancora pubblicate e – quando pubblicate – piene di errori materiali. Qualche numero, ad es. sul concorso di Italiano: solo il 25% dei candidati è risultato vincitore di concorso, con la conseguenza che rimarranno scoperte circa 400 cattedre. Chi coprirà queste cattedre? Gli stessi candidati non ammessi che, con le supplenze annuali, andranno a sostituire loro stessi! E' pensabile che tutti i docenti bocciati, che insegnano da anni con lauree, abilitazioni e titoli di studio alle spalle, all'improvviso risultino tutti non all'altezza? Algoritmo impazzito e itineranza forzata dei docenti Nell'epoca dell'informatizzazione spinta, che tanto piace al Premier, è proprio un cervellone che ha tradito le aspettative: il server del MIUR, che doveva gestire i trasferimenti sul piano nazionale, ha fatto cilecca! Uno dei tanti esempi: una docente fiorentina che aveva diritto al posto di insegnamento nella scuola vicino casa (dove tra l'altro insegnava già da anni), era stata spedita a Cantù e il posto vicino casa era rimasto vuoto! Altri esempi: docenti toscani mandati a lavorare in Campania, con docenti campani mandati a lavorare in Toscana! Di fronte a questo errore il Ministero ha proposto delle procedure di conciliazione (cioè un “accordo” tra Ministero stesso e docenti) per trovare una soluzione, ma tante volte il rimedio si è rivelato peggiore del danno. Un esempio: a chi era stato sbattuto a Torino è stata proposta Venezia! Com'è finita? Molti docenti non hanno “conciliato” e si rivolgeranno al Giudice del Lavoro. Un drammatico “Scherzi a parte!” per i neoimmessi in ruolo La fretta, il caos e l'approssimazione di questo sistema ha provocato anche drammatiche situazioni: a Livorno è successo che alcuni docenti vincitori di concorso, felici per il ruolo appena ottenuto, si sono visti revocare la nomina, per errori materiali nella compilazione delle graduatorie. E' successo anche questo...e non erano su “Scherzi a parte!” Precari sempre più di serie B Sempre più grave la situazione per i precari abilitati e con più di 36 mesi che non sono stati ammessi al concorso o che non sono risultati vincitori. Secondo l'Europa hanno diritto alla stabilizzazione...secondo il Governo? Risposta non pervenuta! Diritti negati agli studenti Scuole con orario ridotto (istituti superiori che fanno solo quattro ore, invece che sei-sette), istituti comprensivi che da un giorno all'altro sono costretti a posticipare l'inizio del tempo pieno, docenti che si alternano sulle cattedre di settimana in settimana… Per non parlare dei diritti degli alunni diversamente abili: su Firenze 2000 e su tutta la Toscana ben 5000 studenti disabili vanno a scuola senza trovarci l'insegnante di sostegno! ATA: lo stillicidio continua I tagli decisi nelle ultime leggi Finanziarie sono entrati a regime e oggi se ne vedono purtroppo gli effetti: tutte le scuole della provincia hanno il problema di coprire i turni e i plessi per il normale funzionamento. Se non bastasse, rispetto all'anno scorso mancano ancora 30/40 collaboratori scolastici. Ancora in vigore la norma-capestro che impedisce la nomina di supplenti, sia per sostituire il personale delle segreterie (in sostanza mai sostituibile!), sia per i collaboratori (per assenze inferiori a sette giorni). Inerzia dell'Amministrazione scolastica regionale e provinciale I Dirigenti dell'Ufficio Scolastico Regionale e dell'Ambito Territoriale di Firenze non stanno dando indicazioni per affrontare l'emergenza. Perché? Per non ammettere il fallimento del Ministero: il “racconto” ufficiale del Governo non lo permetterebbe! Docenti di Potenziamento, jolly, factotum (e anche un po' fantasma) Il nuovo organico dell'autonomia previsto dalla Legge 107 per il raggiungimento di obiettivi didattici importanti (recupero, lotta alla dispersione scolastica, progetti educativi…) rischia di diventare la “riserva” da cui pescare i “tappabuchi” per coprire le ore scoperte e la mancanza di personale di ruolo. Oppure – è il caso di alcune scuole – diventa un bacino di docenti che il Dirigente considera a sua disposizione. Potenziamento addio per sempre, ancora prima di cominciare? Chiamata diretta: per competenze o per “conoscenze”? La grande novità sbandierata dal MIUR la scorsa estate – la c.d. “chiamata per competenze” - spesso e volentieri si è tradotta in procedure non trasparenti e contraddittorie: non sono mancati i docenti che abbiano denunciato palese discrezionalità nei loro confronti da parte dei Presidi, pur in presenza di ottimi requisiti. Il premio salariale lo “meritano” solo gli “amici” del Dirigente? L'altra novità della Legge 107 è l'attribuzione di un bonus ai docenti “meritevoli”. Dove i Dirigenti Scolastici non hanno condiviso con i docenti criteri e modalità di assegnazione, ne abbiamo viste di tutte! Chi ha preso migliaia di euro, chi nulla, anche a parità di funzioni o incarichi svolti. Di nuovo palesi discrezionalità e arbitrarietà, che daranno luogo a infiniti contenziosi di natura legale.

CONQUISTE DEL LAVORO

copertina_conquiste_del_lavoro

Contratto rinnovato per i dipendenti del Sostentamento Clero

Salario, welfare contrattuale ed estensione delle tutele per le famiglie al centro dell’intesacon alta valenza sociale che interessa mille lavoratori...

Industria 4.0, la sfida si chiama formazione

La rivoluzione digitale modificherà il lavoro nelle fabbriche e cambierà il volto delle relazioniindustriali. Ma per non rimanere indietro il...

Ryanair, firmato il contratto collettivo italiano per gli assistenti di volo

Fit Cisl: nostro prossimo obiettivo è migliorare anche il contratto dei piloti del vettore irlandese. Lo scopo finale è dare...

Industria, torna il segno più

Istat: dopo i cali di luglio, il fatturato sale dell’1,2% e gli ordinativi del 4,9%. A settembre frena l’inflazione: meno...

CONQUISTE DEL LAVORO

Contratto rinnovato per i dipendenti del Sostentamento Clero

Salario, welfare contrattuale ed estensione delle tutele per le famiglie al centro dell’intesacon alta valenza sociale che interessa mille lavoratori...

Industria 4.0, la sfida si chiama formazione

La rivoluzione digitale modificherà il lavoro nelle fabbriche e cambierà il volto delle relazioniindustriali. Ma per non rimanere indietro il...

Ryanair, firmato il contratto collettivo italiano per gli assistenti di volo

Fit Cisl: nostro prossimo obiettivo è migliorare anche il contratto dei piloti del vettore irlandese. Lo scopo finale è dare...

Industria, torna il segno più

Istat: dopo i cali di luglio, il fatturato sale dell’1,2% e gli ordinativi del 4,9%. A settembre frena l’inflazione: meno...

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa