Lombardia. Tribunale MIlano riconosce Bonus bebè a cittadina extra Ue titolare di permesso unico di lavoro

Milano. 2 Dicembre  2016 - ASGI e ANOLF Milano esprimono grande soddisfazione per la decisione emessa oggi con ordinanza del 2 dicembre 2016 dal giudice del Tribunale di Milano, dott.ssa Dossi, che riconosce il diritto al bonus bebè ad una cittadina salvadoregna titolare di permesso unico lavoro. Le associazioni, che hanno accompagnato la ricorrente nella presentazione del ricorso dopo che la stessa in data 16 novembre 2015 si era vista rifiutare la domanda di assegno presentata all'INPS in quanto non risultava in possesso di “utile titolo di soggiorno (permesso di soggiorno per soggiornanti di lungo periodo)”, avevano chiesto il riconoscimento di una discriminazione posta in essere dall'istituto. Il giudice del Tribunale meneghino ne ha accolto la richiesta affermando il diritto della signora all'assegno di natalità in applicazione dell'art. 12 della direttiva 2011/98 che riconosce la parità di trattamento dei cittadini extra UE nel settore della sicurezza sociale di cui al regolamento 388/04.

“La decisione del Tribunale di Milano, che si affianca alle numerose ordinanze favorevoli già emesse da diversi tribunali d'Italia, rappresenta un passo importante per il riconoscimento dei diritti sociali dei cittadini stranieri”, affermano gli avvocati della ricorrente, Silvia Balestro e Alberto Guariso. “Ci auguriamo che l'INPS trovi una soluzione che vada al di là del caso individuale e che interrompa così la continua necessità di fare valere la giustizia nelle aule dei tribunali. Forse è giunto il momento di mettere mano ad una normativa in materia di immigrazione che, nel suo complesso, deve essere finalmente aggiornata”, osserva invece Maurizio Bove, presidente Anolf Milano, l’associazione che per la Cisl si occupa di politiche per l’immigrazione e che, insieme al Patronato INAS meneghino, ha intrapreso dal 2015 la battaglia per il riconoscimento del bonus bebè a tutti i cittadini stranieri regolarmente soggiornanti. Sono in corso altri giudizi sulla medesima questione.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.