Sindacato. Cgil, Cisl, Uil Roma e Lazio chiedono chiarezza sul risanamento delle società partecipate

Roma, 15 dicembre 2016. «Parole, parole, parole... a sentire la sindaca Raggi e i suoi assessori sul risanamento delle partecipate, oggi ci aspettavamo qualcosa in più che un semplice annuncio. Ci aspettavamo chiarezza sulle strategie future che, però, non è arrivata. Ci aspettavamo un piano industriale che, ad oggi, non ci è dato sapere quando sarà presentato. L’immobilismo dell’amministrazione comunale sta mettendo a rischio la tenuta stessa delle società partecipate. Basti guardare quello che sta accadendo in AMA, ATAC, Multiservizi, Roma Metropolitane. Solo per citare qualcuna delle oltre cento società partecipate di Roma Capitale. Predomina l'amarezza e l'irritazione nei confronti di un'amministrazione che è distante dalla realtà di una città allo sbando, dai cittadini e dai loro bisogni, dai lavoratori e dai loro problemi. Chiusa la campagna referendaria ci auguravamo di lasciarci alle spalle la politica degli annunci. Non è successo. Ma è davvero sconfortante assistere alle stesse dinamiche che hanno condotto Roma al declino e l’hanno fatta piombare nel degrado. Siamo stanchi di sentire annunci e proclami. Chiediamo serietà, rispetto, coerenza». Così, in una nota, il segretario generale della Cgil di Roma e del Lazio Michele Azzola, il segretario generale della Cisl di Roma Paolo Terrinoni e il segretario generale della Uil di Roma e del Lazio Alberto Civica.

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa