Sicilia. Cisl Sicilia: varata all’Ars la riforma delle stazioni appaltanti. Ora subito mano ai rifiuti

Palermo, 24 gennaio 2017. “#Urega, bene sussulto #Ars Ma restano bubboni. E serve riforma #rifiuti perché discariche siciliane esploderanno tra pochi mesi #InEmergenza”. E il tweet con il quale la Cisl Sicilia (@CislSicilia) ha commentato a caldo il varo a Sala d’Ercole della riforma degli Urega. Qualche giorno fa il sindacato guidato in Sicilia da Mimmo Milazzo aveva chiesto al Parlamento e al Governo regionali una corsia preferenziale all’Ars (Assemblea regionale siciliana) sulle emergenze, parallela alla discussione sul bilancio, per varare alcune “riforme necessarie e urgenti”. A cominciare da quella dei rifiuti. Perché nell’Isola, aveva scritto, il sistema-colabrodo degli Ato registra 1,8 miliardi di debito, la raccolta differenziata è ferma al 13%. Ancora la Sicilia, in assenza di impianti per il recupero energetico, è rimasta “l’ultima in Europa” a conferire in discarica gli scarti. E tra qualche mese le discariche, ormai sature, esploderanno. “Non attenderanno la fine della campagna elettorale”, annota la Cisl.

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa