Puglia. Cisl e Fim Taranto Brindisi: confermare e rilanciare a Brindisi e Grottaglie il settore produttivo Aeronautico

Taranto, 27 gennaio 2017. Le Segreterie Cisl e Fim Cisl Taranto Brindisi evidenziano gli sviluppi in atto nella delicata vertenza che coinvolge migliaia di lavoratori diretti e dell’appalto Aeronautico della Leonardo S.p.A. (ex Finmeccanica), nei siti produttivi della Divisione Elicotteri di Brindisi e Aerostrutture di Grottaglie e guardano con fiducia al ruolo propositivo più volte sollecitato dal sindacato territoriale insieme con la Cisl di Puglia e di fatto assunto dalla Regione, così come evidenziato dagli impegni istituzionali presi dall’assessore regionale allo Sviluppo Economico, Loredana Capone nell’incontro del 26 gennaio u.s. tenuto con la task force regionale per l’occupazione e che ha riguardato esclusivamente il territorio brindisino e tarantino. Successivamente la Regione Puglia e la task force regionale per l’occupazione convocheranno le OO.SS. di Foggia per affrontare le problematiche riguardanti il sito Leonardo di quel territorio. L’iniziativa forte del sindacato, in questo che è un settore produttivo di grande pregio industriale a Brindisi e a Grottaglie, continuerà in tutti i casi ad essere incalzante, pur prendendo atto della volontà ribadita dall’Amministratore delegato della Leonardo S.p.A. di investire nei suddetti stabilimenti ma a fronte del contestuale orientamento all’internalizzazione delle attività date finora in appalto ed alla scelta strategica della stessa Società di non sottoscrivere più accordi con imprese finora caratterizzatesi come mono committenti, a meno che non fatturino da ora in poi quote consistenti di attività imprenditoriale con altre Aziende. L’orientamento della Regione Puglia a voler sostenere, come anche ciò richiesto dal sindacato, questo settore di rilievo con i Fondi comunitari 2014/2020 è condivisibile e non rimane, dunque, che attivare prima possibile un confronto sulle politiche industriali per l'Aerospazio in Puglia, sottoscrivendo un protocollo come base di discussione per il confronto che dovrà proseguire in modo incalzante e per gli impegni che dovranno essere richiesti al management della Leonardo S.p.A. Cisl e Fim Cisl rifiutano oggi ogni genere di allarmismo ma è da molto tempo che pressano il sistema industriale brindisino e per esso Confindustria, con riferimento particolare alle aziende di appalto del settore Aeronautico affinché le stesse superino la mono committenza, si aprano finalmente al mercato ed a nuovi processi di potenziamento anche in forma consorziata, si innovino misurandosi anche sul versante dell’internazionalizzazione, infine implementino formazione continua grazie alle risorse finanziarie disponibili. Il prossimo incontro in Regione dovrà, dunque, marcare ulteriori passi avanti, perché sia salvaguardato il destino di un settore produttivo avanzato come l’Aeronautico, eccellenza anche pugliese e nazionale, nonché il futuro lavorativo di migliaia di lavoratori diretti e indiretti che contribuiscono ad implementare significativamente le performance economiche e sociali di Brindisi e di Taranto.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.