Sardegna. Ignazio Ganga (Cisl Sardegna): “Su attuazione Patto per la Sardegna è tempo di cominciare a vedere i fatti”

Cagliari, 15 febbraio 2017. Rispetto e attuazione integrale del Patto per la Sardegna stipulato lo scorso 29 luglio a Sassari tra Governo e Regione. Questa è stata la richiesta della Cisl sarda al Ministro per il Mezzogiorno e la Coesione, Claudio De Vincenti, du-rante l’incontro, organizzato nei giorni scorsi nella biblioteca del Senato, per una valu-tazione sullo stato di attuazione dei masterplan per il Mezzogiorno. Presenti i segretari regionali di Cisl, Cgil e Confindustria regionale e nazionale.
Il sindacato ha confidato in modo convinto sugli impegni del Governo - continuità ter-ritoriale, compensazione del gap energetico, aggiornamento tecnologico della rete fer-roviaria, rafforzamento dell'infrastrutturazione primaria, compresa quella idrica e sani-taria - e su investimenti mirati e sulle risorse umane per iniziare a dare una soluzione ai gravi problemi di crescita e sviluppo che affliggono l’isola. Tuttavia appare sempre più evidente che i processi di attuazione di quanto previsto dal Patto procedono con lentez-za. Il rischio che la Sardegna corre è che anche l’accordo del 29 luglio scorso faccia la stessa fine degli altri due patti, solennemente firmati, nel 2005 e nel 1999, tutti rimasti nel limbo delle buone intenzioni e delle incompiute. Un esito che il sindacato, la Cisl in particolare, non è disposta a sopportare per le eventuali ricadute sulla comunità regio-nale.
La Cisl sarda ha evidenziato al ministro De Vincenti:
- la strategicità dei contenuti del Patto dell’estate scorsa, l’ammontare delle risor-se previste ( 2, 9 miliardi di euro), i molti settori coinvolti che vista la situazione eco-nomica e sociale sarda richiedono la velocizzazione della spendita dello stanziamento.
- L’inadeguatezza dei fondi al momento assegnati all’isola – 281,7 milioni – pra-ticamente corrispondenti ad appena un decimo di quanto previsto dal Patto del 29 lu-glio 2016. Una somma che dovrà essere compensata al più presto.
- L’urgenza di cantierare entro i primi due anni di programmazione la gran parte dello stanziamento di 2,9 miliardi di € è quindi quanto mia strategica è fondamentale.

La Cisl sarda, inoltre, ha sollecitato il Governo nazionale a mettere in essere tutte le ini-ziative per il riconoscimento del principio d’insularità sancito dal Trattato di Amster-dam e del diritto della nostra isola alla continuità territoriale per persone e merci.
“Il Patto per la Sardegna darà tutti suoi effetti positivi se riuscirà a coinvolgere, con azioni di accompagnamento e con un ruolo attivo, il partenariato sociale ed economico.
“E’, questa, per la Sardegna, una stagione particolarmente delicata perché cominciano a delinearsi piccoli segni di ripresa – più consistenti in altri territori nazionali e ancor più significativi in altre zone d’Europa - che richiedono dal Governo e dalla Regione effica-ci azioni di sostegno, possibili in presenza di risorse stanziate e pattuite, che attendono solamente di essere spese nella realizzazione di infrastrutture strategiche ben indivi-dualizzate in tutti i territori dell’isola.
Il sindacato non starà alla finestra a contabilizzare ritardi e incompiute. Ma scenderà in campo per sollecitare l’attuazione immediata del Patto per la Sardegna. La stagione del-le promesse non mantenute è finita”. Così il Segretario generale della Cisl Sardegna,Ignazio Ganga.

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa