Emilia Romagna. Cgil, Cisl, Uil di Modena e Reggio: “La montagna ha bisogno di un punto nascite. Ora un patto per la tenuta del territorio”

Reggio Emilia, 13 aprile 2017. Un passo iniziale nella giusta direzione del mantenimento del Punto nascite è frutto di un lavoro di tanti e di squadra. I sindacati di Cisl, Cgil e Uil commentano la richiesta di deroga della Regione Emilia Romagna alla Commissione nazionale del Ministero in merito alla possibilità di derogare rispetto agli standard previsti per il mantenimento dei punti nascita in zone di montagna. "Una realtà di montagna come Castelnovo Monti deve avere un Ospedale e un Punto nascita attrezzato” affermano Cisl, Cgil e Uil. “Questo – proseguono - per il bene della popolazione tutta, non solo per arginare il calo delle nascite ma, al contrario, per aumentare la popolazione com’è negli obiettivi della Regione che noi abbiamo condiviso”. E’ così che i sindacati hanno deciso di prendere nuovamente posizione in merito alla possibile chiusura del Punto nascite e alla necessità di mantenere e rafforzare i servizi in montagna, a partire dai servizi socio-sanitari. “Potremmo strutturare un centro nascita innovativo basato sulle equipe professionali itineranti che già sono previste nel progetti di fusione delle due aziende sanitarie - continuano i sindacati – permettendo così un continuo scambio tra professionisti altamente qualificati: la sanità deve essere a servizio ed andare incontro a tutti i cittadini, in tutti i territori. Siamo disponibili a dialogare sia con i sindaci che con la Regione per rafforzare il patto di comunità tra i soggetti istituzionali e sociali per rilanciare complessivamente il territorio in continuità con gli obiettivi che avevamo condiviso in un importante convegno ad ottobre scorso”. “I cittadini non devono essere discriminati in base a dove vivono. La montagna e la periferia senza servizi muoiono: se spariscono le comunità locali muore la nostra più grande ricchezza, quella del capitale umano. C’è bisogno dello sforzo di tutti per risolvere un problema che non deve essere strumentalizzato ne politicizzato. Una decisione così importante, che riguarda intere comunità, non può essere lasciata a pochi”. “A livello locale rinnoviamo – concludono Luca Ferri, Silvia Dalla Porta e Giovanni Riatti coordinatori Cisl, Cgil e Uil per la zona montana – al sindaco di Castelnovo Monti e presidente dell’Unione, Enrico Bini, oltre che a tutti i sindaci della montagna, la nostra disponibilità a dialogare per rafforzare e qualificare un patto di comunità, tra tutti i soggetti istituzionali e sociali. Per questo abbiamo chiesto di essere convocati da Bini chiedendo la presenza anche della Regione. Questo patto dovrà avere come obiettivo un rilancio complessivo della montagna, del quale l'annunciato rafforzamento dell'ospedale da parte della Regione ne rappresenta una parte importante, ma che comunque dovrà rispondere a un modello socio-assistenziale, nel suo complesso, più moderno e avanzato, in linea con le esigenze di tutta la comunità appenninica. E il punto nascite è parte integrante di tutto questo”.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.