Puglia. Ilva, in sciopero anche i lavoratori del sistema appalto e indotto Ilva

Taranto, 1 giugno 2017  - “Hanno scioperato oggi anche i lavoratori dipendenti del sistema appalto e indotto Ilva, a sostegno del rilancio produttivo e dell’ambientalizzazione dello stabilimento siderurgico ionico e contro la falcidia di posti di lavoro prefigurata al tavolo ministeriale" ha spiegato Antonio Arcadio, Segretario generale della Fisascat Cisl Taranto - Brindisi in una nota che così prosegue: 

"Abbiamo ritenuto anche, con la nostra presenza fisica davanti alla portineria e con quella foltissima di lavoratori del Terziario nostri associati, rivendicare considerazione e pari dignità del nostro settore che al momento non è rappresentato, in quanto non convocato, al tavolo vertenziale aperto al Ministero dello sviluppo economico.
Ovviamente auspichiamo che il Mise prenda in considerazione anche la realtà del sistema appalto e indotto Ilva che conta dagli 8 ai 10 mila addetti, il 50% dei quali – al netto cioè di quello metalmeccanico ed edile – coinvolge lavoratori contrattualmente inquadrati nei settori Ristorazione Collettiva, Pulizie e Servizi Integrati.
Per quanto ci riguarda, fare appello all’unità di tutti i lavoratori non può configurarsi affatto come mero auspicio bensì come coerente esercizio di una confederalità che tiene unite e porta a sintesi le esigenze e le attese legittime delle migliaia e migliaia di lavoratrici, di lavoratori e delle rispettive famiglie che traggono sostentamento economico e conferma sociale dal sistema diretto e indotto dell’Ilva.
La nostra battaglia vertenziale proseguirà come sempre con forte unità di intenti, anche per non disperdere professionalità ed esperienze di cui potrà e dovrà ancora beneficiare, anche al servizio del Mezzogiorno e del Paese il pianeta Ilva di Taranto.”

 

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.