Sicilia. Atto vandalico busto Falcone, Cisl: "un grave segno di incultura, violenza, degrado"

10 Luglio 2'017 - La statua di Giovanni Falcone che si erge davanti alla scuola che porta il nome del magistrato, nel quartiere Zen a Palermo, stamani è stata gravemente danneggiata. Ignoti hanno staccato la testa dal busto e utilizzato poi un pezzo della scultura come ariete contro il muro dell’istituto. Sulla vicenda è stata aperta una indagine. Non è la prima volta che la statua che ricorda il magistrato, subisce danneggiamenti. Ma gli atti vandalici di oggi arrivano a poco più di una settimana dall’anniversario della strage di via D’Amelio, il 19 luglio 1992, nella quale la mafia assassinò Paolo Borsellino e i cinque agenti della scorta. "Un grave segno di incultura, vilenza, degrado ma un simbolo vive nonostante il piccone"- sottolinea via Twitter, il segretario della Cisl Sicilia Mimmo Milazzo. 

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa