Lombardia. Protesta dei lavoratori dell'artigianato il 23 novembre

20 novembre 2017.  Per denunciare la grave situazione in cui versano oltre 180mila lavoratrici e lavoratori lombardi in attesa del rinnovo della parte economica del Contratto collettivo regionale di lavoro, scaduto nel dicembre 2014, Cgil Cisl Uil hanno organizzato iniziative di protesta giovedì 23 novembre con due presidi, dalle ore 7.30 alle 12, davanti alle aziende dei presidenti di Confartigianato, Eugenio Massetti (La Compagnia della Stampa, viale industria 19 Roccafranca - BS) e Cna, Daniele Parolo (Parolo Revisioni autofficina di Via Lario 12 Gallarate VA). Infatti, nonostante le ripetute dichiarazioni sull'importanza del ruolo delle lavoratrici e dei lavoratori per lo sviluppo e la crescita delle aziende, le associazioni artigiane lombarde si rifiutano di avviare la trattativa richiesta dai sindacati di categoria. Al presidente di Confartigianato Lombardia, Eugenio Massetti, che nei giorni scorsi ha invitato sindacati e lavoratori ad avere “buonsenso”, Cgil Cisl Uil Lombardia ricordano che per responsabilità delle chiusure datoriali “ancora vanno chiusi i contratti collettivi nazionali del settore - dei quali solo uno è stato rinnovato - mentre i sette contratti collettivi regionali sono tutti in ritardo di tre anni”. “Chi è dunque che dimostra poco buonsenso, facendo venir meno il diritto dei lavoratori ad avere il contratto?” chiedono Cgil Cisl Uil Lombardia, che proseguono: “Il sindacato confederale ha sempre dimostrato grande disponibilità e coerenza nelle proprie scelte, e chiede che anche Confartigianato si mostri all’altezza aprendo la trattativa con le Federazioni di categoria per rinnovare a breve tutti i contratti regionali scaduti”.
 
 

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.