Basilicata. Cgil, Cisl, Uil in vista della Giornata mondiale contro violenza sulle donne: " lavorare insieme per dare concretezza all'accordo quadro sulle molestie"

 

23 Novembre 2017 - "Occorre ora lavorare insieme per dare concretezza all'accordo quadro a noi tanto caro sulle molestie e la violenza nei luoghi di lavoro, sottoscritto a marzo scorso con Confindustria di Basilicata e far sì che diventi il nostro vademecum da promuovere in tutte le aziende della nostra Regione". Così le responsabili pari opportunità di Cgil Cisl Uil di Basilicata, Anna Russelli, Giuseppina D'Alessandro e Anna Carritiello della Cisl Basilicata in vista della Giornata internazionale contro la violenza femminile che si celebra il 25 novembre prossimo. "I fatti di cronaca  - osservano - ci riportano sempre più spesso situazioni di ricatti, molestie sessuali e abusi, in particolar modo in ambito lavorativo. È possibile contrastarli? Noi sosteniamo che, solo a partire da una reale promozione e formazione della cultura del rispetto e dell'uguaglianza di genere, possiamo auspicare risultati incoraggianti". 

Per Cgil, Cisl, Uil Basilicata quell'accordo va esteso anche alle amministrazioni pubbliche: "Vorremmo ritornare a parlare e promuovere quell'accordo quadro che si inserisce all'interno dell'intesa quadro delle parti sociali europee del 2007 e di quanto sottoscritto a gennaio 2016 tra Confindustria e Cgil Cisl Uil nazionali e intende diffondere una cultura specifica per prevenire ogni atto che si configuri come molestia o violenza nei luoghi di lavoro e proporre altresì di promuovere la consapevolezza, nei datori di lavoro e nei lavoratori, dell'irrinunciabile salvaguardia della dignità della persona. Per dirla con le parole del grande storico Marc Bloch: "Ci sono i campi, gli strumenti, le macchine, gli Stati e le Nazioni, le leggi e i sistemi giuridici, le morali, le istituzioni, ma dietro a tutto questo le persone umane". Questo è il primo nostro criterio ispiratore".

Cgil, Cisl, Uil propongono inoltre per le aziende "un sistema di formazione continua che riguardi i temi dell'uguaglianza e del rispetto, che contribuisca a modificare la percezione nei riguardi delle donne e che sia attenta al superamento degli stereotipi di genere. Bisogna oltrepassare il concetto che si tratta solo di una "questione di donne. E perché no, immaginare, anche a livello regionale, di predisporre una proposta di legge specifica per incentivare la formazione nelle imprese. È fondamentale lavorare in un'ottica di prevenzione di questi fenomeni, attraverso iniziative capillari e costanti di informazione e sensibilizzazione, nei territori e nelle imprese, sperando di potersi avvalere anche di risorse pubbliche a sostegno delle suddette attività formative".

 

 

 

Anna Russelli (Cgil), Giuseppina D'Alessandro (Cisl), Anna Carritiello (Uil)

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.