Emilia Romagna. Fnp Emilia centrale: "Dobbiamo essere più solidali e cercare il confronto continuo con le istituzioni"

Lasagni, Fnp Cisl: «Nostre priorità sono prosecuzione del confronto con il governo, riforma fiscale e un’efficace lotta all’evasione fiscale»

Modena, 1° dicembre 2017. «Sono state ottenute conquiste importanti dopo tanti anni in cui i pensionati erano solo vittime di tagli e penalizzazioni. È per questo che serve il confronto, anziché alzare inutili barricate - aggiunge Lasagni – Basta, perciò, con le dichiarazioni demagogiche di che dipinge i pensionati come i principali responsabili della disoccupazione giovanile. I veri colpevoli sono coloro che, non pagando le tasse o nascondendo i capitali all’estero, rubano il futuro di tutti, giovani e meno giovani. Per non parlare delle multinazionali che contrappongono il lavoro ai diritti dei cittadini. A questo proposito  esprimiamo solidarietà ai dipendenti Amazon di Piacenza che la settimana scorsa hanno scioperato in occasione del Black Friday». Interviene così il segretario generale della Fnp Cisl Emilia Centrale sulla questione pensioni. «I pensionati sono alleati dei giovani per dare loro lavoro. Dobbiamo essere più solidali e cercare il confronto continuo con le istituzioni. Riforma fiscale, lotta seria all’evasione fiscale e legge sulla non autosufficienza: sono queste le nostre priorità. Sosteniamo gli impegni assunti dal governo scaturiti dal confronto sindacale perché abbiamo avuto risposte importanti su temi proposti dalla Cisl e dalle altre confederazioni – osserva Lasagni – Mi riferisco al ripristino del meccanismo del sistema di perequazione, riconoscimento del lavoro di cura, resa strutturale dell’ape social, separazione netta tra previdenza e assistenza anche per una corretta comparazione in sede europea, revisione del paniere, sostenibilità sociale dei trattamenti pensionistici destinati ai giovani, parificazione della tassazione tra pubblico e privato sulle prestazioni di previdenza complementare e revisione del meccanismo su aspettative di vita e requisiti di accesso pensionistico". 
Per il segretario dei pensionati Cisl di Modena e Reggio sono provvedimenti che si vanno ad aggiungere ai contenuti dell’accordo del settembre 2016, raggiunto dopo un proficuo lavoro di contrattazione, grazie al quale il sindacato è riuscito ad aumentare ed estendere la platea dei beneficiari della 14 esima, a parificare la no tax area a quella dei lavoratori dipendenti, alla ricongiunzione gratuita dei contributi versati, all’ape impresa, all’individuazione dei lavori gravosi e altri interventi positivi. 
«Sono state ottenute conquiste importanti dopo tanti anni in cui i pensionati erano solo vittime di tagli e penalizzazioni. È per questo che serve il confronto, anziché alzare inutili barricate - aggiunge Lasagni – Basta, perciò, con le dichiarazioni demagogiche di che dipinge i pensionati come i principali responsabili della disoccupazione giovanile. I veri colpevoli sono coloro che, non pagando le tasse o nascondendo i capitali all’estero, rubano il futuro di tutti, giovani e meno giovani. Per non parlare delle multinazionali che contrappongono il lavoro ai diritti dei cittadini. A questo proposito – conclude il segretario generale della Fnp Cisl Emilia Centrale - esprimiamo solidarietà ai dipendenti Amazon di Piacenza che la settimana scorsa hanno scioperato in occasione del Black Friday».

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.