Toscana. Lettera aperta delle Rsu della Regione alle istituzioni: fondi insufficienti, contratto integrativo a rischio

Firenze, 15 Dicembre 2017 - La RSU della Regione Toscana scrive ai parlamentari toscani: "Non si possono scaricare sui lavoratori i costi del riordino istituzionale. Servono risorse dopo l’incorporazione degli ex dipendenti delle province, ma la Camera pare intenzionata a non concederle". Risorse che "a causa delle decisioni della Commissione Bilancio della Camera rischiano di essere insufficienti per i contratti integrativi dei dipendenti della Regione" sottolineano le Rsu della Regione Toscana nella lettera aperta inviata ai Deputati e Senatori eletti nella regione, oltrechè al Presidente della Giunta Enrico Rossi, al presidente del Consiglio Eugenio Giani e ai Capigruppo in Consiglio Regionale. 

“Giungono da Roma – scrive la RSU - notizie allarmanti dalla Commissione Bilancio della Camera, che sembrerebbe intenzionata ad esprimere parere negativo sugli emendamenti alla Legge di Bilancio, tra cui quelli della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome e quelli promossi da FP CGIL, CISL FP, UIL FPL, che prevedono la possibilità per le regioni di aumentare i fondi per la contrattazione decentrata integrativa per il riequilibrio del trattamento accessorio del personale exprovinciale transitato ai sensi della Legge Delrio (l. 56/2014).”
Se così fosse, si spiega nella lettera, “si assisterebbe ad un enorme danno economico per migliaia di dipendenti e ad una vera e propria ingiustizia, in particolare in alcune regioni, tra cui la Toscana.”
La Toscana infatti, con la Legge Regionale 22/2015, attuativa della Delrio, ricordano i sindacati, “ha proceduto ad una operazione di riordino istituzionale di grandi dimensioni sia rispetto alle funzioni che alle unità di personale assorbite, per far fronte all’emergenza occupazionale che la L.56/2014 produceva con l’immissione nel portale della mobilità del 50% del personale allora provinciale. Si tratta di circa 1100 lavoratori provenienti da Province, Città Metropolitana ed Unioni di Comuni, a fronte di una dotazione organica pre-riordino di poco superiore alle 2000 unità.”
Il trattamento economico di questi dipendenti ex-Province è stato finora mantenuto separato “e questo -scrive la RSU- crea una innegabile condizione di disagio e tensione interna dettata dalla sperequazione tra lavoratori dello stesso Ente. Questa situazione potrà essere superata in occasione del prossimo contratto decentrato, ma è necessario che gli emendamenti proposti vengano approvati. Infatti, se non si potrà procedere all’aumento del fondo, questa equiparazione potrà avvenire solo al ribasso, con un costo pesantissimo su tutti i dipendenti regionali.”
“L’operazione di riordino istituzionale, in termini di costo del personale, verrebbe scaricata sulle spalle dei lavoratori, mettendo a rischio la tenuta sociale, il clima organizzativo, la continuità dei servizi, colpendo redditi già ingiustamente penalizzati da anni di blocco contrattuale.”
“Vi chiediamo quindi – conclude la lettera - di intervenire affinché questo pericolo sia scongiurato, e siano approvati gli emendamenti che prevedono la possibilità di aumentare il fondo del salario accessorio, come pure quelli che assicurano la risorse necessarie ai Centri per l’Impiego.”

 

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa