Toscana. Caporalato, al via anche nella regione la campagna Fai Cisl contro lo sfruttamento dei lavoratori nel settore agroalimentare

Firenze, 10 Luglio 2018 - Parte anche in Toscana ‘Sos caporalato’, la campagna contro lo sfruttamento dei lavoratori nel settore agroalimentare, lanciata a livello nazionale dalla Fai-Cisl. L’obiettivo è quello di raccogliere, tramite numero verde (800-199-100) e social, le denunce di quanti lavorano in condizioni di sfruttamento e illegalità nell’agroalimentare. Le segnalazioni serviranno per un monitoraggio sull’evoluzione del fenomeno e consentiranno anche di dare voce a tante lavoratrici e tanti lavoratori vittime di caporalato.

Il numero verde non è casuale: 199 è il numero della legge contro il caporalato, entrata in vigore due anni fa, ma ancora poco conosciuta. Farla conoscere di più alle persone coinvolte è proprio uno degli obiettivi della campagna.
“Eravamo abituati a pensare che certe cose in Toscana non accadessero – dice il segretario regionale Fai, Patrizio Giorni – e invece oggi non è più così: il caporalato c’è anche nella nostra regione e riguarda per lo più lavoratori stranieri, comunitari e non. Noi avevamo denunciato questo pericolo e negli ultimi anni lo hanno dimostrato numerose operazioni delle forze dell’ordine compiute in varie parti della nostra regione e inchieste giornalistiche.”
Giorni poi boccia l’ipotesi di reintrodurre i voucher in agricoltura, caldeggiata da alcuni esponenti del governo.

"Un eventuale ritorno al voucher nel settore agricolo – afferma il segretario Fai Toscana - sarebbe inutile e dannoso. Inutile, perché nel settore esistono già gli strumenti in grado di garantire estrema flessibilità, con tipologie contrattuali che possono assicurare alle imprese anche lavoro a giornata. Dannosso, perché il voucher non assicura al lavoratore le necessarie garanzie previdenziali e assistenziali. I voucher non garantiscono infatti le minime prestazioni a sostegno del reddito come la disoccupazione agricola, la maternità, gli assegni familiari, l'infortunio e la malattia. Di fatto sono dei veri caporali di carta. L'agricoltura ha bisogno di guardare avanti!! Non di tornare indietro di un anno".

Il caporalato in Italia - Sono centinaia di migliaia in Italia le lavoratrici e i lavoratori che trovano un impiego tramite i caporali, e uno su quattro vive forme di grave assoggettamento dovuto a condizioni abitative e ambientali paraschiavistiche. Il 60% di chi è costretto a lavorare sotto caporale, la maggior parte stranieri, non ha accesso ai servizi igienici e all’acqua corrente. Più del 70% presenta malattie non riscontrate prima dell’inserimento nel ciclo del lavoro agricolo stagionale. E poi ci sono i danni economici: in termini di mancanto gettito contributivo il caporalato ci costa più di 600 milioni di euro l’anno. Il peso dell’illegalità e dell’infiltrazione mafiosa nell’intero settore è stimato in circa 12,5 miliardi. I lavoratori impiegati dai caporali percepiscono un salario giornaliero inferiore di circa il 50% di quello previsto dai contratti di lavoro (25-30 euro per giornate di lavoro anche di 12 ore) e senza alcuna tutela previdenziale o infortunistica.

 

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa