Legge di Bilancio 2021: nota di analisi e commento della Cisl

In questo inedito contesto di incertezza sul fronte della pandemia, del quadro macroeconomico e del programma italiano di attuazione del NGEU tutt’oggi ignoto, la struttura della politica di bilancio risulta in buona parte indefinita.
Non è cosa di poco conto, perché dovrebbe rappresentare lo strumento principale per realizzare l’opzione strategica di rilancio, che in conseguenza di questo “corto circuito epocale” innescato dalla crisi sanitaria, deve avere il respiro strutturale e intergenerazionale necessario a sovvertire il paradigma declinante in atto da circa trent’anni nel nostro paese.
La manovra contiene anche provvedimenti condivisibili fortemente voluti dalla CISL, come il prolungamento e l’estensione delle misure relative agli ammortizzatori sociali e al divieto di licenziamento, tuttavia non sempre adeguatamente finanziati e comunque non estesi a sufficienza stante il prolungarsi della crisi sanitaria e un conseguente e temibile shock occupazionale alla loro prossima scadenza.
La manovra è inoltre satura di misure emergenziali, interventi residuali pertanto solo simbolici e semplici indicazioni sull’utilizzo dei fondi europei, assieme, soprattutto dopo il passaggio alla Camera, ad una serie di norme di dettaglio micro-settoriali dispersive e perciò incoerenti con le priorità del momento. (segue...)

Allegati:
FileDimensione del File
Scarica questo file (Nota di analisi e commento CISL_LEGGE DI BILANCIO 2021.pdf)Nota di Analisi e Commento1128 kB

Stampa