"Senza servizi per le famiglie le carriere vengono sacrificate", "La Stampa" del 2 Novembre 2014

b_180_160_16777215_00_images_foto_annamaria_furlan.jpg


"Spesso le donne svolgono lavori con qualifiche superiori che non vengono riconosciute - sottolinea il Segretario generale della Cisl parlando dell'occupazione femminile - e l'inadeguatezza dei servizi sociali pesa soprattutto sulle donne, perche' sono loro a sobbarcarsi quasi tutti i carichi familiari: questo mette un freno alla progressione delle carriere. Ci vuole una politica dei servizi completamente diversa. Piu' asili nido ed altre strutture per i bambini ed anche piu' assisternza agli anziani visto che le donne si fanno carico degli uni e degli altri. Anche la contrattazione andrebbe riorientata per ottenere, ad esempio, asili aziendali ed orari di lavoro piu' flessibili che aiutino la donne a conciliare l'impegno con la famiglia. E la situazione delle donne nel mondo del lavoro e' peggiorata perche' i tagli ai bilanci pubblici non hanno ridotto gli sprechi ma i servizi essenziali, cosi' le donne hanno sempre meno sostegno nella cura dei bambini e degli anziani".

Allegati:
Scarica questo file (lastampa-2nov-2014.pdf)lastampa-2nov-2014.pdf204 kB

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.