"Jobs Act, il compromesso è giusto. Ora cancelliamo i finti contratti", su "La Nazione" del 5 dicembre 2014

b_180_160_16777215_00_images_foto_annamaria_furlan.jpg


"Il compromesso trovato in Parlamento ha decisamente migliorato il provvedimento rispetto alla prima stesura. Quando avremo il confronto sui decreti attuativi voglio verificare se questo nuovo contratto a tutele crescenti assorbe davvero le precarietà". Così il Segretario generale della Cisl sulle pagine de "La Nazione" risponde alla domanda sul perchè la Cisl sia l'unico sindacato a non "cannoneggiare" contro il Jobs Act. "Abbiamo oltre un milione e mezzo di lavoratori quasi invisibili che sono le finte partite Iva, i finti associati in produzioni, i finti co.co.co. Noi vogliamo che la nuova forma contrattuale assorba tutto questo finto lavoro autonomo che in realtà è vero lavoro subordinato mal pagato. E vogliamo vedere quanto si allargano le tutele sociali".

Allegati:
Scarica questo file (Nazione-5-dic-2014.pdf)Nazione-5-dic-2014.pdf296 kB

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.