Toscana. Si inaugura oggi nuovo stabilimento Laika di San Casciano. "Un esempio avanzato di relazioni industriali"

“Oggi è un giorno di grande festa, perché sono stati sconfitti i conservatori di destra e sinistra che nascondendosi dietro il paravento della Toscana da cartolina vogliono bloccare tutto. Oggi invece diciamo no alla cartolina, si alla vita, perché la vita è lavoro.”
E’ il commento del Segretario generale della Cisl Toscana, Riccardo Cerza, che stamani partecipa all’inaugurazione del nuovo stabilimento Laika di San Casciano Val di Pesa (FI).
“Questo nuovo stabilimento – dice Cerza - nasce grazie all’ostinazione di chi, come la Cisl e il sindacato, si batte per il lavoro in Toscana. E’ un esempio da seguire e ripetere. Nella nostra regione oggi mancano capitali locali quindi gli investimenti devono arrivare da fuori. Abbiamo la fortuna di avere un brand che tira e dei lavoratori preparati, non disperdiamo questo patrimonio mettendo i bastoni tra le ruote a chi vuole investire. Penso in particolare a una burocrazia spesso mortale per lo sviluppo e le imprese. Dobbiamo far saltare questo blocco di burocrazia e veti incrociati e rendere la Toscana sempre più aperta e attrattiva per gli investimenti, come questo del gruppo tedesco Hymer.”

“Il percorso che ha portato alla realizzazione del nuovo stabilimento Laika di San Casciano è un esempio avanzato di relazioni industriali, che ha sapute tenere insieme sviluppo, sicurezza del lavoro e territorio.” Ha detto il Segretario generale della Cisl di Firenze e Prato, Roberto Pistonina, a margine dell’inaugurazione.
“Dobbiamo riconoscere che Laika ha avuto grande pazienza di fronte agli ostacoli che le sono stati messi davanti e l’intelligenza di cercare il dialogo e la collaborazione con quelle realtà, politiche e sindacali, che condividevano con il gruppo tedesco un obiettivo di sviluppo. E’ stato così possibile sconfiggere le forze che si erano messe di traverso al nuovo stabilimento, che è stato oltretutto realizzato con un accordo innovativo per la sicurezza del cantiere. Il futuro si costruisce con la coesione sociale.”

Anche il Segretario Generale della Fim Cisl, Marco Bentivogli,  sarà a San Casciano in Val di Pesa all'inaugurazione dello stabilimento Laika.   "Oggi è la festa di un risultato importante a cui ha contribuito il sindacato dei lavoratori metalmeccanici e la pazienza di Hymer, perche nessun investitore avrebbe atteso 15 anni confermando ancora la volontà di investimento. Dal 2000 da quando famiglia Moscardini cedette Laika carovana alla multinazionale tedesca Hymer Fim e Fiom chiesero con forza di consolidare e sviluppare la presenza in Italia attraverso investimenti e la costruzione di un nuovo stabilimento che migliorasse le condizioni di lavoro, il processo produttivo e superasse le difficoltà e i costi di mantenere la produzione in una miriade di opifici distanti tra loro. 
Da lì partì un calvario burocratico in cui l'italietta nimby (ambientalisti isterici, comitati, politici) il meglio di se, che fino al 2011riuscirono a ritardare con il rischio di impedire la realizzazione nell'area individuata di Ponterotto di cui si temeva il deturpamento paesaggistico. 
Dopo la scelta dell'amministrazione comunale di San Casciano, un altro ritardo necessario allo spostamento del basamento di stabilimento per non pregiudicare il ritrovamento di reperti archeologici etruschi. 
Oggi si valorizza l'Italia delle competenze  che non si arrende, dei lavoratori e delle loro rsu, di chi insomma nell'Italia del no, ha trovato una ragione in più per fare che per non fare
 

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.