Lazio. Servizi pubblici, parte lo stato di agitazione

Roma, 16 Marzo 2016 - Al via oggi lo stato di agitazione dei servizi pubblici del Lazio. E' quanto annunciato ieri da Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl e Uil Pa Roma e Lazio in una nota congiunta nella quale ricordano le ragioni della protesta di tutti i settori del Lazio che offrono servizi pubblici, compreso il privato sociale che si terrà oggi a Piazza Vidoni a partire dalle ore 17:30. “Nei settori pubblici del Lazio, in soli 10 anni, dal 2004 al 2014, uno scellerato blocco del turn over ha prodotto 28mila occupati in meno" sottolineano i sindacati nella nota. Si è passati da 193mila a 165mila. Un taglio indiscriminato che non ha distinto tra settori sovradimensionati e sotto organico, che non ha efficientato e riqualificato la spesa. Basti citare il caso dell'Inps che, come in questi giorni ricordato dal vertice politico dell'Ente, perde 100 dipendenti al mese. Il risultato è una riduzione dei servizi che l'austerità imposta nell'ultimo lustro ha persino accelerato, investendo i settori privati che offrono servizi pubblici. Una situazione gravissima, una vera e propria crisi sociale ignorata dai più e sottovalutata dalla propaganda del Governo”.

Il comunicato integrale

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.