Poste. Cisl Toscana: i sindacati di categoria scendono in piazza il 27 luglio a Firenze contro la privatizzazione di Poste Italiane

Firenze, 26 luglio 2016. "La privatizzazione decisa dal Governo compromette l’unicità aziendale e pone seri dubbi sul futuro della più grande azienda del nostro Paese". Questa la preoccupazione di Slc-Cgil, Cisl-Slp, Uilposte, Failp, Confasl e Ugl della Toscana, che mettono in guardia sul rischio che corrono settori più deboli come il recapito e la logistica, ma anche l'incertezza che per i settori più forti come il bancario e l’assicurativo visto che Cassa Depositi e Prestiti è, in parte, in mano alle fondazioni bancarie. A pagare le spese di questa gigantesca manovra per fare cassa saranno lavoratori (già penalizzati da una ristrutturazione aziendali che ha portato al recapito a giorni alterni) e cittadini (che non potranno più usufruire di un servizio universale all'altezza di questo nome). Per questo domani 27 luglio dalle 12.30 manifestazione di protesta in Piazza della Repubblica di tutto il personale di Poste Italiane della Toscana con corteo e presidio davanti la Prefettura in Via Cavour.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.