Taranto. Ambito TA/1: Coordinamento Istituzionale convochi tavoli prima di decisioni unilaterali

Taranto, 16 settembre 2016. La Cisl e la Federazione dei Pensionati Fnp Cisl Taranto Brindisi ritengono che il Coordinamento istituzionale dell’Ambito territoriale Ta/1 - Ginosa (capofila), Laterza, Castellaneta, Palagianello - avrebbe dovuto convocare il Tavolo di concertazione previsto dalla L. R. 19/06 e dal relativo regolamento di attuazione (Art. 16), qualora fosse stato gravato da problemi oggettivi nell’assicurare l’Assistenza Domiciliare alle persone non autosufficienti, oppure se avesse ravvisato la necessità di rivedere le intese già intervenute in sede di predisposizione e riprogrammazione del Piano Sociale di Zona (PSdZ). E tutto questo, ancor prima di assumere qualsivoglia decisione come quelle che negli ultimi giorni stanno creando tensioni nel territorio e disservizi. In sede di concertazione, insieme con le Organizzazioni sindacali, si sarebbero potute serenamente e costruttivamente verificare tanto le questioni organizzative attinenti al servizio specifico, quanto la disponibilità di risorse che, in verità, non dovrebbero costituire un problema in quanto l’Ambito Ta/1, oltre ai fondi del PSdZ dispone per gli anni 2016 e 2017 delle risorse rivenienti dal Piano di Azione Coesione (Pac) 2° riparto, pari a 515.258 euro per gli anziani e per ben 908.319 euro per l’infanzia. Nel recente passato, persino al tempo della gestione commissariale, analoghi problemi sono sempre stati risolti in sede di concertazione, perciò la Cisl e la Fnp Cisl auspicano che l’avvenuto rinnovo dell’Amministrazione comunale di Ginosa non determini passi indietro sul versante, appunto, delle politiche sociali e della correttezza dei rapporti con il sindacato. Pertanto, non configurandosi affatto come optional bensì come preciso obbligo la convocazione del Tavolo di concertazione, la Cisl e la Fnp Cisl, sollecitano il neo Sindaco di Ginosa, come già formalizzato insieme con Cgil e Uil, a procedere immediatamente in tal senso, per una doverosa verifica sullo stato di attuazione del PSdZ.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.