Puglia. First Cisl contraria alla fusione che potrebbe mettere a rischio migliaia di lavoratori di BancApulia

Foggia, 17 novembre 2016. I dirigenti sindacali First CISL, tra i quali era presente una rappresentanza di bancApulia, parte del gruppo bancario veneto, hanno espresso a gran voce il proprio dissenso nei confronti delle conseguenze che potrebbe determinare la fusione tra l'istituto di Montebelluna e Banca popolare di Vicenza. "Questo matrimonio non s'ha da fare" o quantomeno non a spese dei lavoratori! È quanto sostiene la delegazione sindacale First CISL che ha manifestato durante l'assemblea degli azionisti di Veneto Banca tenutasi il 16 novembre a Venegazzù (TV). "L'operazione" sostengono i sindacalisti "porterebbe ad inevitabili duplicazioni di sportelli in molte aree del territorio nazionale e genererebbe esuberi nella misura di qualche migliaia di dipendenti. "Esuberi" sottolineano "che, in questo delicato momento, significherebbero licenziamenti collettivi e manderebbero allo sbando migliaia di famiglie. Non possiamo accettarlo!". First CISL ha ufficializzato il proprio dissenso con una lettera aperta inviata ai due Istituti interessati dall'ipotesi di fusione e alle Istituzioni locali e nazionali, certo che l'operazione non generi valore né ricchezza se non a favore di una stretta cerchia di portatori d'interesse. "Da par nostro assicuriamo disponibilità al dialogo e garantiamo l'impegno dei lavoratori a patto che si pianifichi un piano industriale chiaro, efficiente e proiettato verso il rilancio della banca in grado di tutelare clienti e lavoratori. Mai, come in questo momento, occorrono chiarezza e programmazione per evitare che logiche predatorie rubino il futuro a migliaia di lavoratori!".

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.