Calabria. Tramonti (Cisl regionale): "Prende il via anche nella nostra regione il percorso di riorganizzazione"

30 luglio 2015 - "Sul fronte nazionale la CISL calabrese esprime pieno sostegno e condivisione all'azione messa in atto dalla Confederazione sulle proposte finalizzate a riavviare un percorso di crescita e di sviluppo per il nostro Paese su riforma del modello contrattuale, Lavoro, Mezzogiorno, Previdenza, Fisco". Così il Segretario generale della Cisl Calabria, Paolo Tramonti nella relazione introduttiva al Comitato esecutivo della Cisl regionale nella quale ha illustrato i principali temi del momento:

"La CISL calabrese è impegnata, anche in questi giorni, per la raccolta firme finalizzata alla presentazione di una legge delega di iniziativa popolare con l'obiettivo di dare più risorse a chi lavora, ai pensionati e alle aree sociali medio-basse sia in direzione di maggiore equità che per liberare risorse ai fini della crescita e della ripresa economica e produttiva.
Sul fronte regionale permane una condizione sociale di grande difficoltà e sofferenza. La gravità della situazione in cui continua a versare la Calabria imporrebbe una maggiore attenzione di politica e istituzioni a tutti i livelli per scongiurare il rischio di sprofondare ulteriormente in un abisso di degrado e povertà di proporzioni ancora maggiori. In questo senso la CISL rinnova la richiesta affinché venga attivato per la nostra Regione, anche in via sperimentale, il REIS (reddito di inclusione sociale) per un nuovo patto di cittadinanza tra istituzioni e soggetti in difficoltà.
In questo contesto l'insediamento della nuova Giunta deve segnare il riavvio immediato delle attività politico-istituzionali nella nostra Regione dopo la fin troppo prolungata fase di vuoto istituzionale.
Va messo in atto uno sforzo comune e straordinario da parte di tutte le componenti istituzionali, politiche, sociali e imprenditoriali per individuare e mettere in campo programmi e progetti in grado di invertire l'attuale tendenza e rilanciare sul piano economico, produttivo ed occupazionale. Il Patto per la Calabria, sottoscritto fra OO.SS. e Unindustria, dovrebbe rappresentare il punto di riferimento per un più complessivo coinvolgimento di tutte le forze sane della nostra terra.
Le recenti vicende che hanno riguardato gli LSU-LPU dimostrano come la nostra Regione necessiti di una maggiore attenzione e considerazione a livello centrale. Va sottolineato come ancora una volta la forte mobilitazione unitaria ha consentito che ai 5.000 lavoratori interessati venisse consentito il proseguo del percorso di contrattualizzazione. Così come non è più rinviabile il varo di provvedimenti strutturali di riequilibrio territoriale a favore delle aree più svantaggiate come la nostra.
La chiusura dell'A3 ha dimostrato ancora una volta l'inadeguatezza delle nostre vie di comunicazione e la conseguente necessità dell'avvio di un programma di opere pubbliche in grado di ammodernare e connettere i vari territori per inserire la Calabria nei grandi corridoi nazionali ed europei.
Il potenziamento degli assi viari, ferroviari, portuali, aeroportuali e della logistica, è un fattore strategico per qualsiasi ipotesi di crescita e sviluppo della nostra terra e per innalzarne i livelli di attrattività e competitività.
Nei prossimi giorni - ha concluso Tramonti - partirà anche nella nostra Regione, con il coinvolgimento di migliaia e migliaia di delegati e delegate, il percorso che porterà alla Conferenza Nazionale Organizzativa Programmatica fissata nel prossimo mese di novembre a Riccione. L'obiettivo è quello di rinnovare la nostra Organizzazione per rappresentare sempre meglio gli associati attraverso il rafforzamento dei livelli territoriali, la contrattazione sui luoghi di lavoro e la concertazione sociale decentrata".

Sono intervenuti al dibattito: Antonio Russo (Segretario Generale CISL Cosenza), Giovanni Gattuso (Segretario Generale FIBA CISL Calabria), Ciro Bacci (Segretario Generale FIM CISL Calabria), Annibale Fiorenza (Segretario Generale FIT CISL Calabria), Antonio Bevacqua (Segretario Generale FP CISL Calabria), Francesco Canino (Segretario Generale FISTEL CISL Calabria), Cosimo Piscioneri (Segretario Generale FNP CISL Calabria), Antonio Ferrari (Presidente CAF CISL Calabria), Francesco Mingrone (Presidente Collegio dei Sindaci), Domenico Serranò (Segretario Generale CISL Reggio Calabria), Giuseppe Gualtieri (Segretario Generale FAI CISL Calabria).

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.