Sicilia. Province, "Ora in agenda il confronto con i lavoratori"

30 Luglio 2015 - "Finalmente si volta pagina. Ora si pensi a rendere più efficienti i servizi alla comunità nel territorio, mettendo all'ordine del giorno il confronto con le forze sociali non appena, dopo la pausa estiva, gli organi di amministrazione si saranno insediati". Così Mimmo Milazzo, segretario della Cisl Sicilia e Gigi Caracausi, segretario della Fp Cisl regionale (la funzione pubblica), a proposito dell'approvazione all'Ars della legge sui liberi consorzi e le città metropolitane. Per i due segretari, "finalmente col voto a Sala d'Ercole si chiude la lunga stagione del commissariamento delle ex Province. E se ne apre un'altra che vedrà i seimila dipendenti degli ex enti intermedi impegnati sul fronte delle nuove istituzioni". "Apprezziamo lo sforzo - affermano - con cui Parlamento e Governo, sia pure nell'ultimo giorno utile prima dell'ennesima scadenza dei commissari, hanno varato la riforma restituendo tranquillità ai lavoratori". "La Cisl - aggiungono Milazzo e Caracausi - si augura ora che tra ottobre e novembre liberi consorzi e aree metropolitane assumano piena agibilità istituzionale con l'elezione dei propri organi di governo. E che si proceda immediatamente al confronto con il sindacato sui servizi nel territorio e sulla migliore organizzazione del lavoro".

Ufficio stampa Cisl Sicilia

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.