Campania. Terracciano (Fim Cisl): "Presidio alla Regione Campania per rilanciare gli investimenti"

Napoli 3 agosto 2015 - "Il rapporto Svimez di pochi giorni fa ha nuovamente posto l'accento sul divario a tutti i livelli che divide le regioni del nord da quelle del sud, a partire dalla Campania che è la capofila" dichiara Giuseppe Terracciano Segretario Generale Fim Cisl Campania in una nota che così prosegue:

"Vari sono stati i tentativi di riequilibrio che si sono però tutti rivelati velleitari e demagogici, mancando sempre di contenuti efficienti e di proposte risolutive.

Quanti hanno sostenuto che il problema era culturale e quindi irrisolvibile, sono stati smentiti dal pragmatismo della Germania che ha visto la riunificazione del'Est e dell'Ovest riequilibrare differenze epocali nel breve periodo di pochi anni.

Come sindacato, Fim e Cisl, siamo in prima linea sulla questione meridionale a partire dalle lettere di denuncia di Pasquale Villari, ritenendo che l'industrializzazione del Sud sia un ottimo veicolo per un riequilibrio sociale e culturale delle regioni meridionali a partire dalla Campania rispetto a quelle settentrionali all'avanguardia in Europa.

Un impegno che ha trovato tanti, troppi ostacoli in chi lucra materialmente e politicamente su uno Stato assistenziale e clientelare che distribuisce assistenza avendo come conseguenza un aumento spaventoso del debito pubblico.

Come Fim Cisl Campana riteniamo che sia il momento di dire basta a tutto ciò e che il Governo Renzi debba assumere come priorità per l'intero paese il rilancio industriale, della Campania e dell'intero mezzogiorno, attraverso una politica di riequilibrio territoriale che investa nel mezzogiorno e nella sua industrializzazione per fare da volano al riscatto economico e sociale della Campania e del Sud.

Per richiedere con forza tutto ciò, la Fim Campania a settembre metterà in campo una iniziativa di lotta con presidio e comizio presso la Regione Campania, coinvolgendo le categorie dell'industria a partire dalla Femca con cui è in atto un processo di fusione per costituire la grande federazione dell'industria. Parteciperanno il Segretario Generale della Fim Cisl Naz. Marco Bentivogli, e il Segretario Generale della Cisl Campania, Lina Lucci, che ha anche l'incarico nazionale di responsabile per il Sud.

L'appuntamento è quindi a settembre per dare la sveglia alla politica e costringerla a misurarsi con i problemi annosi e irrisolti che sono un peso per l'intero paese".

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.