Emilia Romagna. Vertenza Global Carni e Alcar Uno: "Ok tenuta occupazionale nel cambio appalto, ora migliorare le relazioni sindacali"

Modena 24 agosto 2015. Nelle vertenze Global Carni e Alcar Uno il prefetto di Modena e i sindaci di Spilamberto e Castelnuovo Rangone hanno dimostrato sensibilità istituzionale. Lo affermano Filt-Cgil e Fit-Cisl dopo l'incontro avvenuto l'altro giorno in prefettura a Modena per esaminare le implicazioni occupazionali relative alla disdetta degli appalti gestiti dalla cooperativa Evolution all'interno degli stabilimenti Alcar Uno di Castelnuovo Rangone e Global Carni di Spilamberto. Erano a rischio 180 posti di lavoro, dopo che le contestazioni da parte del sindacato Si-Cobas sui trattamenti economici e contrattuali applicati ai soci lavoratori avevano indotto la cooperativa Evolution a rinunciare agli appalti. L'incontro in prefettura è servito a confermare l'impegno delle tre cooperative subentranti negli appalti - Logman, Planet e Alba Service - a garantire l'integrale assorbimento dei lavoratori della cooperativa uscente. Le tre cooperative si sono impegnate a mantenere tutti i posti di lavoro preesistenti, il salario maturato in precedenza (compresa l'anzianità lavorativa), le tutele classiche (anziché quelle previste dal Jobs Act), il rispetto delle norme e il salario stabilito nel contratto nazionale merci e logistica sottoscritto nel 2013 da~Cgil-Cisl-Uil di settore. «Questo impegno scongiura il rischio di riduzione e dequalificazione del personale -~affermano Maurizio Fregni (Filt-Cgil) e Salvatore Corbisiero (Fit-Cisl) - Tuttavia non è ancora il caso di cantare vittoria, poiché restano~diverse ombre. Come pensano Global Carni e Alcar Uno di sorvegliare gli impegni contrattuali assunti dalle tre nuove cooperative? Sono disponibili a esaminare le figure professionali integrabili nelle loro aziende e a toglierle così dagli attuali appalti, rispettando le norme previste dal contratto nazionale del settore alimentare»? Come si ricorderà, la cooperativa Evolution non sempre ha regolarmente retribuito i suoi soci. Per questo i sindacati intendono aprire vertenze individuali, coinvolgendo Alcar Uno e Global Carni per far recuperare ai lavoratori quanto non percepito attraverso la responsabilità solidale dei committenti. «Abbiamo già chiesto sia ad Alcar Uno e Global Carni che alle tre cooperative di incontrarci al fine di ricercare accordi che possano davvero diventare un nuovo modello di relazioni sindacali e di reale tutela di tutti i lavoratori, prescindendo dall'applicazione contrattuale. Apprezziamo, infine, - concludono i due sindacalisti di Filt-Cgil e Fit-Cisl - che diversi lavoratori nelle ultime settimane si siano rivolti a noi per rappresentarli in questo delicato momento della loro vita professionale».

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.