Toscana. Istruzione, in 4 mila a Firenze per una scuola buona davvero

Firenze 15 Settembre 2015 - Obihall strapieno stamani a Firenze per l'assembla provinciale dei lavoratori della scuola, indetta dai sindacati per fare il punto sui tanti problemi sollevati dalla cosiddetta legge della 'buona scuola'. Circa 4mila le persone presenti, tanto che in diverse centinaia non hanno trovato posto all'interno, neppure in piedi e hanno dovuto seguire gli interventi all'assemblea da fuori, grazie agli altoparlanti.
L'assemblea ha approvato un ordine del giorno nel quale si ribadisce il "parere negativo" sulla riforma del governo e sugli interventi delle legge di stabilità 2015, "provvedimenti che stanno producendo effetti ulteriormente peggiorativi sulla scuola pubblica, ormai stremata da oltre un decennio di tagli."
Nel documento si chiede al governo il "reintegro dei tagli del personale ATA, per arrivare all'azzeramento delle limitazioni delle supplenze" di questi lavorati e "l'istituzione anche per il personale ATA dell'organico funzionale".
A proposito di organico funzionale, per il personale docente si chiede di istituirlo "in modo che non possa essere confuso con un contingente di docenti da utilizzare in modo flessibile per le supplenze o arricchimento dell'offerta formativa su ambiti territoriali."
Infine si chiede all'Esecutivo di "aprire il rinnovo contrattuale" e di recuperare, nel piano di stabilizzazione straordinario, i docenti della scuola dell'infanzia e tutti i precari ingiustamente esclusi."
Durante l'assemblea è stato anche annunciata una grande manifestazione nazionale a Roma entro la fine di Ottobre, la cui data esatta sarà definita nei prossimi giorni.

Ufficio stampa - Cisl Toscana

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.