"La ricetta per salvare le aziende", di Annamaria Furlan, 'Il Sole 24 Ore' del 22 novembre 2018

Furlan3(...)La debolezza del nostro sistema industriale è sotto gli occhi di tutti. Sono ormai troppi i casi in cui proprietari stranieri sfruttano marchi italiani e delocalizzano all'estero le produzioni, magari dopo aver incassato pure i contributi di Stato.(...) Oltre ad una necessaria politica di sviluppo, anche le buone relazioni industriali, la contrattazione e soprattutto la partecipazione dei lavoratori alle scelte strategiche delle imprese possono rappresentare un antidoto alle delocalizzazioni. In Germania i rappresentanti eletti da tutti i laboratori, iscritti o meno al sindacato, partecipano al board delle grandi e medie imprese, in posizione (quasi) paritaria con gli azionisti. Il lavoro è rappresentato nei consigli di sorveglianza che definiscono le strategie delle imprese, nominano i manager, controllano il loro operato e votano anche contro le ipotesi di delocalizzazioni. 
Perchè non introdurre finalmente una forma di "democrazia economica" anche in Italia, riconoscendo ai lavoratori una funzione di indirizzo e controllo, di eguale protagonismo nelle scelte delle imprese? La partecipazione è lo strumento per arginare le forme di populismo, per prevenire e comporre anche il conflitto sociale. Sarebbe una rivoluzione economica, sociale e anche culturale per il nostro paese. 

Allegati:
FileDimensione del File
Scarica questo file (il sole24ore.pdf)Il Sole 24 Ore153 kB

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa