"Genova si è rialzata, ora non lasciamola sola", articolo di Annamaria Furlan, 'Il Secolo XIX', 13 Agosto 2019

Furlan'La ricostruzione del Ponte Morandi entro marzo 2020 è l'impegno che deve essere rispettato dalle istituzioni, dalle aziende, da quanti sono impegnati a vari livelli nella realizzazione della nuova opera progettata da Renzo Piano. La crisi di Governo non deve assolutamente ritardare la tabella di marcia dei lavori. La tragedia di Genova di un anno fa e' storia di morte e, insieme, storia di speranza di un'intera comunita'. Il progetto avveniristico di Renzo Piano, quel nastro illuminato da 43 vele di luce in memoria delle 43 vittime del crollo del Ponte Morandi, puo' segnare davvero un momento di 'resurrezione', un nuovo inizio per Genova e per tutta la Liguria.  Oggi piu' che mai e' necessario che tutti dimostrino concretamente il massimo senso di responsabilita' ed unita' di intenti.  La lezione di Genova deve essere funzionale ad un solo obiettivo: evitare altre tragedie, uscire finalmente dalla paralisi per dotare l' Italia di una rete di infrastrutture moderne, sicure e funzionali allo sviluppo e all'occupazione".

Allegati:
FileDimensione del File
Scarica questo file (Il Secolo XIX.pdf)Il Secolo XIX142 kB

Stampa