"Sullo sviluppo il Governo è ora che cambi passo. Il sindacato non accetterà soluzioni a scatola chiusa", intervento di Annamaria Furlan, 'Il Dubbio', 15 Gennaio 2020

furlanIl confronto che si aprirà nei prossimi giorni tra il sindacato ed il Governo sul cuneo fiscale e la previdenza non nasce per caso ma è il frutto della mobilitazione di centinaia di migliaia lavoratori e pensionati scesi in piazza nei mesi scorsi sulla base della nostra piattaforma unitaria. Lo abbiamo detto con chiarezza ieri a conclusione delle segreterie unitarie di Cgil, Cisl, Uil: dobbiamo fissare ora insieme al Governo obiettivi veri, riconoscere ruoli reciproci, affrontare le questioni senza fughe in avanti, con conoscenza e oculatezza, per far ripartire la crescita del Paese. Il taglio del cuneo fiscale, questo piccolo, anche se insufficiente, tesoretto di quasi tre miliardi di euro sarà un passaggio fondamentale del rapporto tra l'esecutivo Conte e Cgil, Cisl, Uil. Abbiamo letto in questi giorni tante ipotesi, anche con dovizia di dettagli, su vari giornali. Ma nessuno immagini di proporre al sindacato una 'scatola chiusa', perché non è questa la concertazione che auspichiamo e che serve al Paese, sapendo che la riduzione del cuneo fiscale è solo un primo passo  rispetto ad una riforma fiscale sempre più urgente. Anche sul tema previdenza bisogna riprendere il confronto così come lo avevamo impostato con il Governo Gentiloni (...) Non possiamo banalizzare un atto di riforma così importante discutendo solo su come cambiare quota 100. (...)

Allegati:
FileDimensione del File
Scarica questo file (il dubbio.pdf)Il Dubbio327 kB

Stampa