"Il 29 sindacati in piazza di notte. Conte condivida l'agenda, per le riforme serve coesione". Intervista ad Annamaria Furlan, 'Avvenire' del 24 luglio 2020

furlan2018bis"L'Europa ha imboccato la strada della responsabilità e della solidarietà che noi come sindacato auspichiamo da tempo. Ora non bisogna sprecare questa occasione storica per cambiare il nostro paese. Bisogna pensare in primo luogo alla crescita e alla riduzione delle diseguaglianze sociali. Siamo molto preoccupati. Basta vedere i dati sulla caduta della produzione industriale, dei consumi e anche delle nuove assunzioni con un crollo del 40% rispetto allo scorso anno, per capire quanto ci sia bisogno delle risorse che l'Europa ci darà". (...) "Il sindacato non può stare fermo. Per questo ‪la sera del 29 luglio‬ elencheremo al Governo le nostre priorità: riforma del fisco, detassazione dei rinnovi contrattuali, mezzogiorno, conoscenza, previdenza, legge sulla non autosufficienza, sostegno alle famiglie più deboli, sicurezza sul lavoro. Poi ‪il 18 settembre‬ ci sarà una altra grande giornata di mobilitazione per sollecitare una svolta nella politica economica. (...)
"
Occorre una riforma del nostro sistema di ammortizzatori sociali che deve coprire tutti i lavoratori e garantire ricollocazione e riqualificazione dei lavoratori con percorsi formativi legati alle nuove esigenze delle imprese e del territorio. La formazione e la scuola devono diventare un elemento centrale della politica di crescita. Il nostro futuro dipende da questo".

Allegati:
FileDimensione del File
Scarica questo file (avvenire.pdf)avvenire.pdf399 kB

Stampa